RAGAZZA, DEVI ESSERE FORTE

RAGAZZA, DEVI ESSERE FORTE
di

L’intervista del Daily a Yosef Baraki, ventiseienne regista di Mina Walking, in concorso Finestre sul Mondo. Applaudito e premiato in tutto il mondo, il film che segue per le strade di Kabul la dodicenne Mina, è stato da poco distribuito in Afghanistan, e ha reso orgoglioso un intero popolo


Nato a Kabul nel 1989 da padre afghano e madre cecoslovacca, a due anni Yosef Baraki si è trasferito in Europa e nel 1998 è emigrato con la famiglia a Toronto, in Canada. Dopo essersi diplomato in cinema, ha deciso di girare indipendentemente il suo primo film ambientato a Kabul, Mina Walking, racconto duro e filmato in maniera documentaristica della vita di una ragazzina (Farzana Nawabi) che da sola si prende cura di suo padre, un eroinomane, e del nonno malato. 

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IL TEMPO SI È FERMATO

IL TEMPO SI È FERMATO

Il film filippino Scarecrow (Bambanti) è un racconto intenso e struggente sugli “ultimi” e la forza di reagire al male umano. Prodotto da Brillante Mendoza e già premiato in diversi festival internazionali viene presentato oggi in anteprima nazionale nella sezione Flash

Un titolo da film horror per una pellicola che del “genere” ha solo la presenza del male nell’uomo. Un titolo che ha quasi il sapore di omaggio indiretto allo Straw Dogs (Cane di paglia) di Sam Peckinpah.

Si tratta di un racconto semplice, un dramma famigliare acuìto dalle meschinità e le bugie umane e “contrastato” dalla luce dei campi vasti e assolati.

Continua a leggere
IL CINEMA RITROVATO

IL CINEMA RITROVATO

Con il documentario La Belle at the movies (oggi in concorso Extr’A) Cecilia Zoppelletto ha ricreato un percorso filologico su come la settima arte si sia gradualmente sgretolata nella realtà di Kinshasa

«Il cinema come arte di raccontare il mondo» è una delle prime frasi che aprono il film. Forse semplice, ma ricca di significato e riflessioni. Cecilia Zoppelletto con imparziale e ferma oggettività lascia ampio respiro ai racconti degli intervistati (tra cui i cineasti Balufu Bakupa-Kanyinda e Zeka Laplaine) testimoni di un passato vivo e di un presente difficile della cinematografia congolese.

Continua a leggere
LA SFIDA DI NOLLYWOOD ALL'IMMAGINARIO

LA SFIDA DI NOLLYWOOD ALL'IMMAGINARIO

Lagos calling analizza le trasformazioni prodotte nel continente africano dal'industria cinematografica nigeriana. Curato da Alejandro Jedlowski e Giovanna Santanera, il libro propone un'indagine a più direzioni su un fenomeno che racconta al tempo stesso il paesaggio postcoloniale dell'Africa

Lagos calling, ovvero “Nollywod e la reinvenzione del cinema in Africa”. Il libro  presentato oggi da Leonardo De Franceschi (Festival Center, ore 17.00) analizza la nascita e lo sviluppo dell'industria cinematografica nigeriana, divenuta una delle più produttive al mondo, e il suo impatto sul  cinema in tutto il continente. A partire da qui Lagos calling  (Aracne editrice ), curato da Alessandro Jedlowski e Giovanna Santanera,  allarga attraverso una serie di saggi la prospettiva alle trasformazioni sociali e culturali dell'Africa in questi ultimi anni.

Continua a leggere