I DOCUMENTARISTI SONO GLI ANARCHICI DEL CINEMA

I DOCUMENTARISTI SONO GLI ANARCHICI DEL CINEMA
di

Bianco/nero e colore, pellicola e digitale, immagini d'archivio, interviste, reportage, video-lettere, performance musicali e teatrali. Fotografie di un mondo libertario. Nel racconto di Bruno Bigoni, autore di Περì Αναρχìας - Sull’anarchia, evento speciale. L’abbiamo incontrato 


L'avevamo lasciato alla ricerca del Colore del Vento (2011), nella sua piccola Odissea del Mar Mediterraneo, in rotta verso la libertà. Se ogni banchina di attracco è un molo di partenza, l'eclettica figura di Bruno Bigoni, regista, sceneggiatore, produttore, co-fondatore del Teatro dell'Elfo (1972) e co-ideatore di Filmmaker, ci invita oggi a intraprendere un secondo viaggio: destinazione Περì Αναρχìας - Sull'anarchia (2014). 

(Continua a leggere)

Articoli recenti

FUORI FORMATO, UN’UNICA NARRAZIONE DI FILM IN FILM

FUORI FORMATO, UN’UNICA NARRAZIONE DI FILM IN FILM

Tommaso Isabella, curatore della sezione che riunisce il cinema sperimentale e di frontiera, racconta come ha favorito gli incontri tra realtà e stili diversi 

Il lavoro di selezione che precede il Festival è lungo e complicato, come racconta Tommaso Isabella, curatore della sezione Fuori Formato. Nulla è lasciato al caso nella struttura di un programma che vede la presenza di lavori da tutto il mondo. Lo abbiamo incontrato.

Continua a leggere
ABACUC: L'ATTORE <br>È MATERIA PLASTICA

ABACUC: L'ATTORE
È MATERIA PLASTICA

Luca Ferri porta in Prospettive un'opera di finzione. Un inseguimento d'amore che punta a «scompigliare il mezzo e a farlo con una storia e un corpo». Un film "muto" in cui l'aspetto sonoro è fondamentale

Luca Ferri arriva all'ingresso del cinema Arcobaleno e insieme ci spostiamo in un bar anonimo nella via parallela. Il luogo ideale per questa intervista, piccolo e senza tanti fronzoli. Abacuc, il suo film, è un'opera in bianco e nero girata in Super8, che nega qualsiasi appiglio allo spettatore e non è concepita per intrattenerlo. Al centro un corpo, quello dell'attore Dario Bacis, ingombrante, obeso eppure affascinante.

Continua a leggere
DOPO LA TEMPESTA

DOPO LA TEMPESTA

A pochi mesi dalla vittoria a Locarno con From What Is Before, il regista filippino Lav Diaz presenta in Concorso Storm Children, Book One, sulla devastazione dei villaggi costieri da parte del tifone Yolanda del 2013, uno dei più violenti di sempre. Dal punto di vista dei bambini 

Dopo il ciclone, nulla rimane. Lav Diaz affida ai piccoli sopravvissuti il compito di ricostruire l’identità collettiva del villaggio e le loro vite, in un documentario delicato e penetrante di grande fascino e poesia. 

Continua a leggere
FILI CHE SI INTRECCIANO

FILI CHE SI INTRECCIANO

Nei giorni in cui si svolge Filmmaker, si inaugura a Palazzo Reale Strade/Ways, la mostra/installazione realizzata da Amos Gitai nella Sala delle Cariatidi, luogo di memoria e di riflessione

Fotografie, sequenze di film, architettura e antichi tappeti sono i protagonisti di un viaggio espositivo multimediale che percorre il passato e futuro dell'opera del regista israeliano. Si parte da Lullaby to my Father che Gitai dedica a suo padre, Munio Gitai Weinraub, famoso architetto e studente al Bauhaus di Dessau diretto da Gropius. 

Continua a leggere