L’AMICA DEL RINOCERONTE

L’AMICA DEL RINOCERONTE
di

Testardo e indipendente, gli amici lo amavano anche per questo Alberto Signetto, cineasta torinese scomparso  lo scorso gennaio. Tra loro c'era Marilena Moretti, anche lei regista, anche lei di Torino, che ha voluto ricordarrlo in un piccolo film: Sympathy for Red Rhino, un gesto d'amore e di amicizia che ci ha raccontato in una lunga chiacchierata 


E’ un video di 25 minuti in cui si mescolano confidenze, ricordi, incontri e frammenti delle opere del regista anarchico nato in Argentina da genitori emigranti piemontesi, tra cui Sympathy for the Rolling (1982), reportage sulla prima tournée italiana dei Rolling Stones; Weltgenie (1988), che racconta la follia di Nietzsche a Torino; Riflessione sulla luce (1994) che vede come protagonista l’alluce del piede destro del regista, una lampadina e le Opere scelte di Lenin. Signetto è stato tra i fondatori della cooperativa Artkino che ha distribuito, tra gli altri, i film di Wenders, Lang, Wajda e della società di produzione cinematografica e televisiva Rosebud Company. 

 

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IL MONDO È UNA GRANDE SALA DA BALLO

IL MONDO È UNA GRANDE SALA DA BALLO

Impariamo una coreografia mondiale in Globe Trot, mentre uno scenario in stile Matrix emerge da Impulse; in Seescapes si filma la visione di tre ragazzi non vedenti: questi tre titoli presenti oggi nella Selezione Internazionale

Si vede in Globe Trot la vena umoristica di Mitchell Rose, che non cessa di stupire con lavori allegri e divertenti. Sulle note del compositore William Goodrum gli attori da ventitré paesi interpretano la coreografia di Bebe Miller. 

Continua a leggere
RESISTENZE FEMMINILI

RESISTENZE FEMMINILI

Chiara Cremaschi in Indesiderabili ricostruisce la quasi sconosciuta vicenda del primo campo di internamento femminile durante la seconda guerra mondiale. Attraverso l’esperienza personale delle donne scrive una pagina di storia dimenticata

Dopo le Parole per dirlo, dedicato ai momenti femministi, la regista bergamasca migrata a Parigi sceglie ancora una volta una prospettiva femminile.

Continua a leggere
RITMI COLORATI

RITMI COLORATI

Da Sympathy for Red Rhino di Marilena Moretti, ritratto di Alberto Signetto, scomparso lo scorso gennaio, a MeTube: August sings Carmen “Habanera”, omaggio e critica bonaria ai cosiddetti «youtuber», gli utenti che devono la loro fama a video amatoriali caricati sul social americano. La selezione internazionale in programma questa sera

L'edizione 2014 di Invideo è dedicata a Alberto Signetto, filmmaker anarchico, ostinato e cocciuto come un rinoceronte (rosso). Marilena Moretti lo ha incontrato prima della sua prematura scomparsa, realizzandone un affettuoso omaggio con Sympathy for Red Rhino che ripercorre la sua vita e i suoi lavori come Sympathy for the Rolling, Riflessioni sulla luce, Conversazioni con Robert Kramer e Weltgenie.

Continua a leggere
CINÉMATON, RITRATTI IN MOVIMENTO

CINÉMATON, RITRATTI IN MOVIMENTO

Continua il viaggio di Gérard Courant attraverso i volti dell’arte. Allo Spazio Oberdan i ritratti dell’artista Robert Cahen e del critico cinematografico Raphaël Bassan

Osservare per tre minuti e mezzo Robert Cahen, pioniere nell’utilizzo di strumentazioni sonore d’avanguardia che dagli anni Settanta ha fatto dell’immagine elettronica il suo terreno di ricerca artistica.

Continua a leggere
ARTISTI IN CITTÀ <br>JOAN JONAS. LIGHT TIME TALES

ARTISTI IN CITTÀ
JOAN JONAS. LIGHT TIME TALES

In mostra all'Hangar Bicocca la più grande personale italiana dedicata all'artista americana. Un'antologia del percorso artistico di una delle più influenti performer dell'arte contemporanea dagli anni '60 ad oggi

Camice bianco, capello corto un po’ spettinato, Joan Jonas si appresta a operare sul reale con gesti precisi anche quando sembrano casuali come nel momento del disegno.

Continua a leggere
TRE DOMANDE A <br> THOMAS BRANDSTÄTTER

TRE DOMANDE A
THOMAS BRANDSTÄTTER

L’artista viennese ci racconta come è nato il progetto con cui partecipa al concorso di Invideo. Il video è un omaggio sperimentale e astratto al punto che diventa protagonista di un gioco di associazioni animato

Thomas Brandstätter, ha studiato a Vienna all’università di filosofia e sette anni fa  ha fondato con il suo collaboratore Andrea Maurer studio 5, centro di sperimentazione artistica in cui i confini tra installazione, performance e animazione si dissolvono.

Continua a leggere