ASMARINA DEL MIO CUOR

ASMARINA DEL MIO CUOR
di

Tra i film più attesi di oggi al FCAAAL: l’anteprima mondiale di Asmarina, documentario di Alan Maglio e Medhin Paolos realizzato all'interno della comunità habesha di Milano e non solo. Una narrazione corale che porta alla luce storie mai raccontate o dimenticate di chi vive in città da anni, fino ai profughi appena arrivati in Italia


Si sono conosciuti anni fa grazie alla fotografia, entrambi amanti degli archivi fotografici e della genealogia che, secondo loro, rende personale la Storia e ti avvicina a essa.

Alan Maglio e Medhin Paolos, i due registi di Asmarina – voci e volti di un’eredità postcoloniale portano sullo schermo piccole storie di persone, tanti tasselli che uniti creano un grande mosaico fatto da più punti di vista e di racconto. Sono storie plurigenerazionali, raccontate dai nonni, dai figli e dai nipoti in cui ognuno pone l'accento su aspetti che altri invece ignorano completamente.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IL FUMETTO DEL GIORNO <br>ALBERTO PONTICELLI

IL FUMETTO DEL GIORNO
ALBERTO PONTICELLI

In occasione della proiezione di oggi del film L’oeil du Cyclone, duro racconto di un ex bambino soldato del Burkina Faso divenuto adulto, il fumettista Alberto Ponticelli regala al nostro daily una tavola del suo fumetto Unknown Soldier (su testi di Joshua Dysart). Il fumetto, purtroppo al momento fuori catalogo in Italia, pubblicato dalla Vertigo DC Comics e premio Will Eisner nel 2009, è la reinvenzione di un classico dei fumetti (del ‘66) riambientato nell’Uganda del Nord.

Continua a leggere
LOOKING FOR ERITREA

LOOKING FOR ERITREA

Un film nel film di Francesco G. Raganato racconta l’Eritrea, in bilico tra un passato coloniale e la dittatura presente

L’Eritrea rimane spesso invisibile ai nostri occhi europei, “lontana”, isolata dal resto del mondo per volontà di uno spietato regime militare. A volte intuiamo dai media il viaggio dei migranti eritrei, la traversata del deserto e poi quella del mare, conosciamo la meta italiana, ma sappiamo poco del paese da cui partono.

Continua a leggere
PROFESSIONE: VIDEOREPORTER

PROFESSIONE: VIDEOREPORTER

Daniela Trastulli, docente di videogiornalismo alla Scuola Civica di Milano, ci racconta l'esperienza come tutor di tre notevoli reportage sulla sostenibilità alimentare nel mondo

«Nell'ambito del linguaggio audiovisivo, capire se ciò che abbiamo realizzato funziona o non funziona richiede consapevolezza estetica e competenze tecniche». 

Daniela Trastulli, docente di scrittura cinetelevisiva e videogiornalismo presso la Scuola Civica di Cinema di Milano, ci racconta i tre videoreportage - Microjardin Milano-Dakar in Senegal, Quinoa, l'Oro delle Ande in Bolivia e Safe Gardens in Tanzania - realizzati l'anno scorso per il bando Sicurezza alimentare indetto dal capoluogo lombardo nel 2012. Questi e altri quattro video - più uno riassuntivo dell'intero progetto - verranno presentati il 22 luglio all'interno di Expo 2015 nel Padiglione della Società Civile presso la Cascina Triulza.

Continua a leggere
TUNISI VIOLENTA

TUNISI VIOLENTA

Oggi in Concorso lungometraggi lo shockante Le Challat de Tunis. La regista Kaouther Ben Hania si fa portavoce delle donne magrebine seviziate dagli Challats, uomini dalle convinzioni anti-femminili e fautori di violenza atroce

Dalle immagini iniziali sembra quasi di assistere a un film poliziottesco con protagonista Maurizio Merli o Tomas Milian nelle varie Roma e Napoli violente degli anni Settanta, per cruda violenza e stile di riprese. E invece tutto ciò è inquietantemente reale e si svolge lungo le vie dell’odierna Tunisi.

Continua a leggere