ANTONIA VISTA DA ALBERTO PONTICELLI

ANTONIA VISTA DA ALBERTO PONTICELLI
di

Alberto Ponticelli, uno dei più grandi artisti italiani contemporanei, ha visto in anteprima per noi Antonia di Ferdinando Cito Filomarino e ci ha regalato questa strepitosa tavola dedicata alla poetessa Antonia Pozzi e al film, che domani sera chiuderà Filmmaker 2015


L’artista Alberto Ponticelli (tra i suoi fumetti: Blatta e il collettivo Le 5 fasi) ha visto in anteprima Antonia di Ferdinando Cito Filomarino, riletto le poesie di Antonia Pozzi e regala al nostro Daily questa magnifica tavola.

L’unica nota di colore nel grigio è proprio Antonia, poetessa milanese suicida a ventisei anni (il 3 dicembre 1938). Il solo fascio di luce è quello che illumina la sua persona per sempre giovane, sagoma di grazia e d’inadeguatezza verso un mondo diafano e buio. Pare fiore spuntato dalla montagna delle sue parole poetiche. Versi immortali compongono la base, l’orlo vivo del vuoto opaco che le sta intorno.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IRAQ ANNO ZERO

IRAQ ANNO ZERO

Attraverso gli occhi del regista Abbas Fahdel, il documentario Homeland - Iraq Year Zero – oggi in concorso - racconta l'attesa e le conseguenze della Seconda Guerra del Golfo sui cittadini di Baghdad (2003)

Le vittime di una guerra sono tutte uguali: Homeland - Iraq Year Zero lo sostiene senza esitazioni. Che si tratti di terrorismo o di bombardamenti di un governo, interessato ai propri interessi politici ed economici, non fa differenza perché a subirne le conseguenze sono sempre i civili che non hanno la possibilità di fuggire e possono solo contare i morti.

Continua a leggere
BALLET MÉCANIQUE

BALLET MÉCANIQUE

Johann Lurf, regista d'avanguardia, presenta oggi a Fuori Formato una breve ma corposa sequenza di nomi - alcuni storici, altri emergenti – appartenenti alla realtà dello sperimentalismo cinematografico austriaco, sua terra d'origine

Il termine Avant-garde indica, nel linguaggio militare, il reparto che precede le truppe in movimento, assumendo la funzione di guida. In ambito artistico, allo stesso modo, designa quei movimenti e quei linguaggi che si fanno precursori di innovazione e rottura con il gusto corrente. Definizione senz'altro calzante per le opere austriache raccolte nel focus Viaggio immobile, a cura di Johann Lurf.

Continua a leggere
SENZA UNA STRADA <br> SOPRA LE TUE ONDE

SENZA UNA STRADA
SOPRA LE TUE ONDE

Stasera dopo il corto El Vagòn viene presentato Sponde di Irene Dionisio, uno dei lungometraggi più interessanti del Concorso Prospettive e vincitore del premio Solinas Documentari. Un’opera potente sulla morte dei migranti in mare

«Il sole sorge a Est, da dove vengono le onde e il mare, l'orizzonte per noi è molto importante, è come se ci fosse una divinità dall'altra parte, come se ci fosse Dio». L'orizzonte, l'Italia e oltre,  Nel sicuro sole del Nord, sottotitolo del documentario di Irene Dionisio: Sponde

Continua a leggere