IL TEMPO SOSPESO: DENTRO E FUORI DAI CIE

IL TEMPO SOSPESO: DENTRO E FUORI DAI CIE
di

Il regista Matteo Calore ci racconta il suo ultimo documentario, Limbo, realizzato insieme a Gustav Hofer e pensato con Andrea Segre, per mostrare un luogo simbolo delle politiche migratorie italiane


L’acronimo CIE sta per Centri di Identificazione ed Espulsione e indica quei luoghi dove vengono trattenuti cittadini non provenienti dai paesi U.E., trovati privi di permesso di soggiorno dalle forze dell’ordine. Il tempo di permanenza in questi centri può durare fino a 18 mesi e si configura come un lungo ed estenuante periodo di attesa sia per i “detenuti”, sia per le famiglie che aspettano di conoscere la sorte dei propri cari.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IL FUMETTO DEL GIORNO <BR>GIANLUCA COSTANTINI

IL FUMETTO DEL GIORNO
GIANLUCA COSTANTINI

Dopo la tavola che ha inaugurato il nostro “fumetto del giorno” sul primo numero, l’artista Gianluca Costantini regala al quotidiano MFN una nuova opera potente quanto spiazzante, dal titolo Profughi. Una barca di migranti galleggia su un mare lugubre color inchiostro.

Continua a leggere
IL VOLTO SCONOSCIUTO <br>DELLA CAMBOGIA

IL VOLTO SCONOSCIUTO
DELLA CAMBOGIA

Il regista franco-cambogiano Guillaume Suon ci racconta The Storm Makers in Concorso lungometraggi e la sua collaborazione con il maestro Rithy Panh, nominato con The Missing Picture nella categoria Miglior film straniero agli Oscar 2014

«Ho lavorato in Cambogia per sette anni, preso parte a diversi film che trattano problemi sociali di quella realtà, e preso coscienza di come tante persone lottino quotidianamente per la sopravvivenza.». Guillaume Suon è arrivato ieri al Festival Center di Porta Venezia per l’ora del tè. L’abbiamo intervistato poco prima dell’evento.

Continua a leggere
VOGLIAMO VINCERE!

VOGLIAMO VINCERE!

Dal pretesto dei Mondiali di calcio 2014 per raccontare il Brasile in rivolta, ai record di due ragazzi etiopi oggi in Trentino, fino agli sketch buffi di una commedia calcistica. Attraverso storie di sport entrano in gioco: la realtà fatta di crisi, immigrazione e rivalsa

Al FCAAAL c'è spazio anche per le risate. Il film francese Le Crocodile du Botswanga è l'unica commedia presente al festival nella sezione dedicata E tutti ridono...

Continua a leggere
WHERE THE BANDS ARE

WHERE THE BANDS ARE

L’apertura ai concerti dei Sepultura, la prima esibizione live a Milano: l’Africa e i suoni di una terra in cui le opportunità sono spesso limitate. Lo racconta Raffaele Mosca nel suo docu-film March of the Gods

Heavy metal africano. Abbiamo intervistato Raffaele Mosca per sapere come è nato March of the Gods, il progetto che ha ideato a partire dalle fotografie suggestive di Frank Marshall. Ci ha parlato dei Wrust, una band di Gaborone, famosa nel continente africano, ma poco conosciuta in Europa. O almeno fino al loro debutto al SoloMacello Fest di Milano.

 

Continua a leggere