IL RUGGITO DELL'AGNELLO

IL RUGGITO DELL'AGNELLO
di

Lamb, opera prima di Yared Zeleke, vince il Milano Film Festival 2015. Racconta efficacemente la storia di un'amicizia fra un bimbo etiope e la sua pecora e il passaggio all'età adulta. Abbiamo parlato con il regista


Vince Lamb, opera prima di Yared Zeleke, che era già stato molto apprezzato dalla critica e dal pubblico al Festival di Cannes (Un Certain Regard). Il tono del film va dall'umoristico al mélo, l'autore però non perde mai efficacia nel mettere a fuoco l'intimità essenziale della storia che racconta, creando un filo teso tra fiaba e dramma. Ne abbiamo parlato telefonicamente con Zeleke, entusiasta del premio.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

NOZZE DI SETA

NOZZE DI SETA

I due direttori del MFF festeggiano i cinque anni di matrimonio artistico e ci raccontano equilibri e dinamiche delle ultime edizioni

Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini convivono alla direzione artistica del MFF da cinque anni. Sebbene siano estremamente diversi, l’uno completa le frasi dell’altro e trovano sempre un modo di andare d’accordo. Grazie al loro sodalizio il festival gode di un’eterogeneità di altissimo valore, che permette l’inclusione di una fascia di pubblico sempre più grande, attiva e affezionata.

Continua a leggere
IL PRINCIPE INFELICE

IL PRINCIPE INFELICE

Prince di Sam de Jong, menzione speciale per il Concorso Lungometraggi, è la storia di un ragazzo di periferia, da pacifico a violento

Ayoub, Frankie, Achraf, Oussama sono tutti ragazzi che vivono nella periferia di Amsterdam. Le loro giornate procedono all’insegna della noia di quartiere, giocare con i petardi è l’unico passatempo.

Continua a leggere
TUTTI PAZZI PER TRANSFATTY

TUTTI PAZZI PER TRANSFATTY

Il premio del pubblico lungometraggi va a Transfatty Lives di Patrick Sean O'Brien

«Guardami mentre mi alzo, mentre cammino. Andare in giro era molto più facile a quei tempi, ma non lo apprezzavo come avrei dovuto» dice, rivolto idealmente al figlio Sean, Patrick Sean O'Brien, regista e protagonista di TransFatty Lives. «Voglio solo che tu conosca tuo padre per chi era e chi è ora».

Continua a leggere
GENTE DI BRUXELLES

GENTE DI BRUXELLES

Il Premio Aprile Lungometraggi va a Our City di Maria Tarantino. La regista racconta la genesi del film e il suo sguardo su Bruxelles

«Hallo, I’m Brussels.» 

Our City è il monologo di una città sempre diversa. Cambia a seconda dei flussi migratori che la attraversano di anno in anno. Con tre lingue ufficiali, il francese, l’olandese e il tedesco, Bruxelles è il centro del mondo. Camminando per le sue strade, oltre a queste lingue, si possono sentire l’italiano, lo spagnolo, l’inglese, l’arabo e il cinese senza essere per forza in presenza di comitive di turisti. 

Continua a leggere
LEGAMI DI FAMIGLIA

LEGAMI DI FAMIGLIA

Le Repas Dominical di Céline Devaux si aggiudica il premio come Miglior Cortometraggio al MFF2015

Con Le Repas Dominical, Céline Devaux gioca la carta del pranzo in famiglia per raccontare i legami e le maschere che ogni persona intrattiene con l’altra.

Continua a leggere
GIRARE IL MONDO

GIRARE IL MONDO

Above and Below vince il premio Miglior Documentario per la città di Docucity/UNIMI. Nella nostra intervista il regista Nicolas Steiner parla dell’ultimo film e della propria idea di cinema

«Essere filmmaker è una passione, richiede apertura mentale e rispetto verso chi riprendi.» afferma Steiner.

Nei suoi film infatti si fondono due elementi che lo rendono unico: la profonda umanità e l’originalità dello sguardo sulla realtà.

Continua a leggere
L'OSPITE INATTESO

L'OSPITE INATTESO

Abbiamo intervistato il giovane regista olandese Morgan Knibbe, vincitore della Menzione Speciale Docucity/UNIMI per Those Who Feel the Fire Burning

«Ho studiato quattro anni alla Scuola di Cinema di Amsterdam, diplomandomi in documentario. Attraverso la Fondazione Dutch Film ho potuto realizzare Those Who Feel the Fire Burning, con poca retribuzione ma con molta passione.».

Continua a leggere