IL PALMARÈS

IL PALMARÈS
di

Tutti i premi della 19 edizione del MFF.


(Continua a leggere)

Articoli recenti

TERAPIA DI COPPIA

TERAPIA DI COPPIA

Dopo undici giorni di festival, workshop e aperitivi è giunto il momento per i direttori artistici del MFF, Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, di stilare un bilancio di questa 19a edizione. Il loro sodalizio dura da quattro anni. Tra pregi e difetti, ecco la loro storia.

Continua a leggere
LA TRIBÙ DEI VIOLENTI

LA TRIBÙ DEI VIOLENTI

L’ucraino Miroslav Slaboshpitsky vince al MFF con The Tribe, un film vivido, scioccante e brutale, che incolla lo spettatore per 132’ nonostante sia interamente girato nella lingua dei segni. Ambientato in un collegio di non udenti adolescenti dove la violenza è pane quotidiano e l’aggressività si espande in una spirale senza fine e senza redenzione.

Continua a leggere
DOCUMENZOGNA DALLA FRONTIERA

DOCUMENZOGNA DALLA FRONTIERA

Navajazo di Ricardo Silva è l'altro vincitore della 19a edizione del MFF. Riproponiamo l'intervista realizzata da Alfredo Gonzalez Reynoso e pubblicata integralmente su Vice Italia.

Continua a leggere
DIETRO LA GUERRA, BELLEZZA

DIETRO LA GUERRA, BELLEZZA

Hüseyin Karabey ha una ricetta particolare: parla della guerra raccontando anche le cose positive che rimangono oscurate dalla sua violenza. Il film che ha vinto il premio del pubblico, Come to My Voice, parla del viaggio che Jivan e sua nonna devono intraprendere alla ricerca di un modo per salvare il papà della bambina. Pur muovendosi in un contesto di pericoli e difficoltà, il film è ricco di elementi fiabeschi, a tratti quasi magici.

Continua a leggere
LA MORTE TI FA BELLA

LA MORTE TI FA BELLA

Botox o non botox, questo è il dilemma. La donna feticcio che Frédéric Doazan deumanizza in Supervenus, miglior cortometraggio di animazione, incarna la risposta. Il regista parigino taglia, riempie, aspira e gonfia. Modella un corpo femminile secondo il canone di bellezza mediatico, ma come in Frankestein di Mary Shelley, qualcosa va storto e le intenzioni non corrispondono alle attese. Il risultato fa orrore. 

Continua a leggere