MINA VAGANTE

MINA VAGANTE
di

Buon compleanno Mina. Ritratto di un’icona che ha attraversato il nostro immaginario.

Il festival Sguardi Altrove la festeggia con il film di Marco Spagnoli, Donne nel mito - Mina


Un tuffo nel tempo, il gesto delle mani che si serrano a pugno o che disegnano immaginari cerchi nell'aria e gli abiti eleganti o quelli improbabili, indossati negli innumerevoli show con cui si concedeva, allora generosamente nei sessanta e primi settanta. Mina compie 75 anni – ma non diteglielo, cinque anni fa per i settanta aveva fatto intuire con un certo imbarazzo sulle colonne di Vanity Fair che omaggi e auguri le sembravano quasi delle esequie 'in vita'... Il segreto, se di segreto si tratta, di tanta longevità artistica è legato – sommato al talento della cantante cremonese, all'incredibile capacità di seguire sempre il suo istinto, senza accettare compromessi.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

PER UNA VERITÀ DELLA STORIA

PER UNA VERITÀ DELLA STORIA

1893. L’Inchiesta di Nella Condorelli porta sullo schermo una pagina sconosciuta della Storia d’Italia: la presenza delle donne nelle lotte dei Fasci siciliani

Nella Condorelli ci porta nella Sicilia di fine Ottocento quando quella terra è stata teatro del primo movimento organizzato di lavoratori: i Fasci siciliani. Intorno a loro si sono uniti migliaia di contadini arrabbiati, scesi nelle strade in piazza per rivendicare migliori condizioni di lavoro e di vita. Quello che non si è che la partecipazione femminile a questa rivoluzione repressa nel sangue è stata molto forte: le donne vogliono lavorare, vogliono esprimersi.

Continua a leggere
IL LATO INSOFFERENTE D’ISRAELE

IL LATO INSOFFERENTE D’ISRAELE

La regista israeliana Efrat Corem costruisce con il suo film d’esordio un’inconsueta immagine di Israele. Sorpresa al Festival di Berlino, Ben Zaken rappresenta il dramma di tre generazioni confinato in una casa del quartiere popolare di Ashkelon

È nella città in cui è nata e cresciuta che la regista Efrat Corem (Ashkelon, 1979) ambienta il suo primo film, con il quale mette a fuoco i conflitti familiari dei Ben Zaken, alle prese con le difficoltà economiche e l’educazione della figlia Ruhi, di undici anni.

Continua a leggere
UNA BATTAGLIA <br>CONTRO L'IPOCRISIA

UNA BATTAGLIA
CONTRO L'IPOCRISIA

Al focus Identità Multiformi,  curato da Maurizio De Bonis e Sergio Di Giorgi, l'ultimo film di Ronit Elkabetz, Viviane. Epilogo di una trilogia che l'ha vista regista, sceneggiatrice e interprete, protagonista della sua indipendenza

Il cinema di Ronit Elkabetz è una battaglia contro l'ipocrisia in una società del quieto vivere refrattaria al cambiamento. Scorre sul filo di una tragedia che non esplode, ma invece consuma e giorno dopo giorno annienta nervi e volontà. La protagonista è Viviane Amsalem, che da cinque anni cerca di ottenere il divorzio dal marito Elisha, davanti all'unica autorità che in Israele possa concederglielo, il tribunale rabbinico.

Continua a leggere
DONNA SOGGETTO CONSAPEVOLE

DONNA SOGGETTO CONSAPEVOLE

Titta Cosetta Raccagni è presente al festival con Ogni legame è una scelta libera, uno spot contro tutte le violenze, specialmente quella sulle donne. Un tema caro al Festival, così come a questa autrice

Milanese, classe 1975, Titta Cosetta Raccagni è una de Le Ragazze Del Porno, un gruppo di donne che con i propri cortometraggi contribuisce a mostrare una visione del sesso non omologata, femminile, d’autore e molto indipendente.

Continua a leggere