LA CITTÀ SENZA NOTTE <BR> VISTO DA GIULIA NAVA

LA CITTÀ SENZA NOTTE
VISTO DA GIULIA NAVA

di

La giovane illustratrice Giulia Nava ci regala una tavola ispirata alle suggestioni potenti e ipnotiche di La Città Senza Notte di Alessandra Pescetta, in concorso Nuovi Sguardi (questa sera all’Oberdan alle ore 22.30)


Semplice inchiostro nero su sfondo bianco, così Giulia Nava cerca di catturare le atmosfere del film della Pescetta all’interno di una tavola. Nera è la strada, sentiero che guida ma che non porta a una destinazione precisa; bianca la macchina, navicella sicura per i due protagonisti – Mariko e Salvatore – affollata di sogni e pensieri, linee sinuose che riempiono lo spazio. Attorno a loro le luci della città e del cielo, spettatrici del destino della giovane coppia e forse del mondo.

(Continua a leggere)

Articoli recenti

TERRA MADRE

TERRA MADRE

Motherland, opera prima di Senem Tüzen, apre il concorso lungometraggi di Sguardi Altrove. Un racconto sincero, malinconico, amaro, a tratti doloroso, di una donna libera, di una madre e di una società che soffoca e ferisce la figlia ribelle tornata a casa

Una ragazza scende da un furgone con una valigia in mano, in un piccolo villaggio dell’Anatolia, si dirige verso casa, si siede alla scrivania e inizia a scrivere una storia.
Inizia così Motherland (Ana Yurdu) opera prima di Senem Tüzen, spaccato sincero, talvolta dolce, spesso malinconico e amaro, della vita di una madre e di una figlia.

Continua a leggere
UNA NAVE DI RICORDI

UNA NAVE DI RICORDI

Con Flotel Europa il regista di Sarajevo Vladimir Tomic realizza un mosaico di found footage per raccontare l'esodo di tanti connazionali verso la Danimarca, simbolo solo temporaneo di un futuro lontano dalla guerra

Vladimir, dodici anni, si domanda perché la madre gli dica di fare le valigie, se lui e i suoi fratelli non potranno trascorrere le vacanze estive in Croazia. Capirà presto che la sua famiglia parte per non tornare più. Nel 1992 la Bosnia è ancora una polveriera ed emigrare verso "un'Europa migliore" è l'unico modo per sperare in un futuro più sereno.

Continua a leggere