ROTE ARMEE CINEMA

ROTE ARMEE CINEMA
di

Un esteso lavoro di ricerca è alla base di Une Jeunesse Allemande, il film sulla lotta armata tedesca e primo lungometraggio del regista francese Jean Gabriel Périot in concorso al Milano Film Festival


«È possibile realizzare immagini in Germania oggi?». 

Con questa domanda inizia Une Jeunesse Allemande, l'ultimo lavoro di Jean Gabriel Périot. Il regista francese, già presente in passato al Festival con diversi corti, torna quest'anno con il primo lungometraggio, presentato all'ultima Berlinale.

 

(Continua a leggere)

Articoli recenti

IL SETTIMO GIORNO DI ISRAELE

IL SETTIMO GIORNO DI ISRAELE

Oggi in Colpe di Stato: Censored Voices di Mor Loushy, sguardo inedito sul conflitto arabo-israeliano del 1967. Tra immagini di repertorio e confessioni di ex soldati, un documentario attualissimo e disarmante

Una settimana dopo la Guerra dei sei giorni, che si concluse con una schiacciante vittoria di Israele, un gruppo di giovani kibbutznik, guidata dal famoso scrittore Amos Oz e dallo storico Avraham Shapira hanno registrato conversazioni intime con i soldati al ritorno dalla battaglia.

Continua a leggere
NEL NOME DI FATIMA

NEL NOME DI FATIMA

Abbiamo avuto l’occasione di incontrare l’artista e regista Fatima Bianchi, che al Milano Film Festival – nella sezione Linea Gialla - ha presentato il cortometraggio Citysightdancing

Fatima Bianchi è una promettente artista e regista che riesce a conciliare in modo originale i linguaggi del cinema con le modalità espressive dell’arte contemporanea.  Nata artisticamente dalla scuola di Nutrimenti Celesti, workshop di Filmmaker, ha la capacità di scovare un punto di vista alternativo sulle immagini della quotidianità.

Continua a leggere
NON PER GIOCO MA PER AZZARDO

NON PER GIOCO MA PER AZZARDO

Vivere alla grande di Fabio Leli è un film di denuncia finanziato grazie a una campagna di crowdfunding nata sul network di Bancaetica. Dopo la presentazione al 68° Festival di Locarno, arriva al Milano Film Festival

Nell'Italia della crisi economica abbiamo assistito ad una paradossale contrazione dei consumi per i beni di prima necessità (130 miliardi di euro circa) a fronte di un aumento fuori misura della spesa per il gioco d'azzardo (90 miliardi). 

 

Continua a leggere
IN LOVING MEMORY OF 1991

IN LOVING MEMORY OF 1991

Tra i film del concorso più amati dalla nostra redazione: Necktie Youth. Il lungometraggio d’esordio del sudafricano Sibs Shongwe-La Mer mette a nudo le contraddizioni della odierna Johannesburg

Nel ricco e tranquillo quartiere di Sandton a Johannesburg il 16 giugno, anniversario degli scontri di Soweto del 76, Emily registra in streaming il video del suo suicidio, impiccandosi a un albero del giardino.

Continua a leggere
FANTASMI D’AMERICA

FANTASMI D’AMERICA

Oggi in Concorso Lungometraggi: Above and Below di Nicolas Steiner, vincitore nel 2012 del Premio Aprile di MFF. Un viaggio nella realtà di un’umanità invisibile, ma in realtà vicina

Un uomo visto di spalle cammina con una torcia in un tunnel sotterraneo. 

Una donna vestita con una tuta spaziale si muove lenta e impacciata nel deserto dello Utah. 

Continua a leggere
SEMBENE, MON AMOUR

SEMBENE, MON AMOUR

Il MFF omaggia il pioniere del cinema africano, Ousmane Sembène, con un documentario diretto da Samba Gadjingo e Jason Silverman. Un film importante per non dimenticare chi è riuscito a creare una nuova prospettiva nella cinematografia del continente più antico del mondo

Un percorso, quello di Ousmane Sembène, che sembra un romanzo: dall’infanzia spesa tra acqua, alberi, pesca e caccia nella zona senegalese della Casamance, agli studi in Russia, passando per l’educazione da autodidatta alla letteratura e ai temi dell’anticolonialismo. Arrivando così a scoprire la vera vocazione, quella del cinema e del racconto nazionale della “sua” Africa.

Continua a leggere