MILANO FILM NETWORK
Un festival lungo un anno

Il Milano Film Network (MFN) è la rete che unisce l'esperienza e le risorse dei sette festival di cinema milanesi per offrire una proposta culturale lungo tutto l'anno e una serie di servizi per chi si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia.


Realizzato grazie al sostegno della Fondazione Cariplo, il Milano Film Network nasce come progetto organizzato da sette festival di cinema della città di Milano – Festival del Cinema Africano d'Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Festival, Sport Movies & Tv Fest – in un’ottica di confronto e di condivisione di esperienze organizzative, produttive e di sperimentazione, raccogliendo le esigenze delle singole realtà e ponendosi come referente autorevole per tutto il settore cinematografico e audiovisivo sul territorio.


Il Milano Film Network si propone come progetto inclusivo non solo degli operatori del settore, ma anche di istituzioni e attori socio-economici, a riconoscimento della valenza del cinema in quanto forma d’arte ma anche settore produttivo che genera ricadute positive su un ampio tessuto urbano.


Due gli obiettivi specifici del MFN:

- nel breve periodo, creare un sistema cinema all’interno della città di Milano, ossia un modello stabile di collaborazione attraverso una rete inter-organizzativa - in primis fra i festival di cinema - che consenta uno scambio innovativo di conoscenza, risorse strumentali, servizi e opportunità;

- nel lungo periodo, fare di Milano un polo fondamentale per l'attività cinematografica e audiovisiva nel panorama nazionale e internazionale, valorizzando le sue risorse attraverso una rete aperta alla partecipazione di molteplici soggetti.


Per raggiungere tali obiettivi, il MFN opera su due differenti fronti:

- offre SERVIZI legati alla produzione dell’evento, a sostegno della rete e a disposizione del territorio: dalla gestione dell’ospitalità culturale alla cura dei sistemi di sottotitolaggio, dall’adeguamento tecnologico per le proiezioni ai servizi di gestione degli spazi, fino all’organizzazione di un servizio di volontariato tipico delle manifestazioni culturali ad alta partecipazione.

- organizza e promuove un calendario di ATTIVITA’ di programmazione permanente, in collaborazione anche con altri soggetti che si occupano di cinema e audiovisivo, quali la creazione di un archivio comune basato sulla digitalizzazione delle opere presenti negli archivi dei singoli festival, la distribuzione dei film provenienti dai festival in un nuovo circuito di diffusione e promozione, l’organizzazione di workshop e specifici percorsi formativi, l’impulso a iniziative di produzione di progetti audiovisivi.

×

CONTATTI

×

CON IL CONTRIBUTO DI

Cariplo

CON IL PATROCINIO DI

Comune di Milano

PARTNER ISTITUZIONALI

Lombardia spettacolo Civica scuola di cinema ×

Iscriviti alla newsletter

Ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03, di seguito Codice Privacy) ti informiamo in merito al trattamento dei tuoi dati personali che potrà essere effettuato da Milano Film Network con riferimento alla registrazione al sito www.milanofilmnetwork.it nonché alla tua richiesta di ricevere la Newsletter di Milano Film Network, che fornisce informazioni e notizie sull’attività dell’organizzazione. Il trattamento avverrà in modo lecito e secondo correttezza, nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali dell’interessato.
accetto

×

Milano Film Network propone workshop rivolti a giovani professionisti del cinema e dell'audiovisivo oltre che a studenti, studiosi e appassionati di cinema. Obiettivo del Network é quello di connettere la città e il suo sistema formativo e post-formativo alle migliori esperienze europee, permettendo un confronto aperto su standard estetici e produttivi internazionali.Da qui nasce IN PROGRESS, il laboratorio produttivo finalizzato allo sviluppo di progetti audiovisivi rivolto a giovani registi, giusto nel 2016 alla terza edizione. Il bando per la pre-selezione dei progetti è aperto fino al 6 maggio. Per informazioni workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: Masterclass con Abderrahmane Sissako
 Data inizio: 09/05/2015
 Data fine: 09/05/2015
 Durata: 3 ore
 Costo: 15 euro
 Scadenza iscrizioni: 09/05/2015
 Programma:

Milano Film Network propone, in collaborazione con il Festival Africano, d'Asia e d'America Latina una masterclass con Abderrahmane Sissako, famoso regista candidato all'Oscar per il Miglior Film Straniero 2015 con Timbuktu e fresco vincitore di 7 premi César.
Un viaggio lungo la sua carriera, dal primo cortometraggio, Le Jeu, presentato alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes nel 1991, per dialogare su temi, stile e ossessioni del suo cinema.


Ore 10.00
Proiezione del film LA VIE SUR TERRE
di Abderrahmane Sissako, Mali/Francia, 1998, 61' Alla vigilia del 2000 il regista torna nel villaggio dove vive il padre, poche case sperdute nella savana del Mali. Errando in bicicletta tra strade e campi, Sissako mostra, tra realtà e fiction, l’isolamento dell’Africa, dove il tempo sembra essersi fermato e il nuovo millennio giunge senza rilevanti cambiamenti.

Ore 11.00
Masterclass di Abderrahmane Sissako. A cura di Giuseppe Gariazzo.

Abderrahmane Sissako
Nasce nel 1961 a Kiffa, in Mauritania, e trascorre infanzia e adolescenza in Mali, Paese di nascita di suo padre. Nel 1989 si diploma in regia alla VGIK, la Scuola di cinema di Mosca, con il cortometraggio Le Jeu. Nel 1993 Octobre vince il premio per il miglior cortometraggio di Un Certain Regard. Nel 1997 realizza il documentario Rostov-Luanda e nel 1999 La vie sur terre vince la menzione speciale della giuria al Fespaco. Nel 2002 il suo lungometraggio d'esordio, Heremakono. Aspettando la felicità è il Miglior Film al Fespaco e Premio Fipresci a un Un Certain Regard. Nel 2006 realizza Bamako, che lo consacra all'attenzione di pubblico e critica. Timbuktu è presentato nel 2014 nella competizione ufficiale del Festival di Cannes, vince 7 César ed è candidato all'Oscar per il Miglior Film Straniero.


Giuseppe Gariazzo, critico cinematografico (Filmcritica, Panoramiche, Eco di Biella, Il ragazzo selvaggio, La rivista del cinematografo, www.sentieriselvaggi.it). Esperto di cinema africano, arabo e medio-orientale, dal 1999 lavora per il Festival Africano, d'Asia e d'America Latina di Milano. Consulente per festival italiani e internazionali, dal 1999 al 2006 ha lavorato per il Torino Film Festival. Dal 2013 fa parte del comitato di selezione della “Settimana della Critica” della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Nel 2014 ha fatto parte del comitato di lettura di progetti e sceneggiature per la Apulia Film Commission di Bari. Ha pubblicato John Carpenter (1995), James Cameron (1998), Poetiche del cinema africano (1998), Breve storia del cinema africano (2001), Onde del desiderio: il cinema egiziano dalle origini agli anni settanta (con Maria Silvia Bazzoli, 2001). Suoi saggi sono pubblicati su quaderni e volumi collettivi, italiani e stranieri. Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale e al Dizionario dei registi (Einaudi) e all’Enciclopedia della Storia del Cinema (Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani).



Quota di iscrizione
la quota di iscrizione prevista per ogni partecipante é di euro 15, da versarsi al momento del perfezionamento dell'iscrizione.
Per chi possiede la tessera MFN, sconto del 10% sulla quota d’iscrizione.

9 maggio 2015. Milano, Spazio Oberdan (Viale Vittorio Veneto 2)

Per ulteriori informazioni
Giulia Bramati - segreteria workshop
tel. 023313411  |  e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it


 

 

ISCRIZIONE WORKSHOP

×


Tutti i Workshop








 Titolo: IN PROGRESS 2016 | SCADENZA PROROGATA
 Data inizio: 04/04/2016
 Data fine: 06/05/2016
 Durata: 1 mese
 Costo:
 Scadenza iscrizioni: 2016-05-06
 Programma:

SCADENZA PROROGATA AL 16 MAGGIO


LEGGI IL COMUNICATO DELLA PROROGA

Milano Film Network, in collaborazione con Filmmaker, propone una nuova edizione del laboratorio produttivo finalizzato allo sviluppo di progetti audiovisivi e rivolto a giovani registi.

 

L'esperienza, alla sua terza edizione, si basa sulla trentennale attività di sostegno alla produzione di Filmmaker (grazie alla quale sono stati prodotti i primi lavori di Studio Azzurro, Bruno Bigoni, Silvio Soldini, Alina Marrazzi, Michelangelo Frammartino, Giovanni Maderna, Paolo Vari, Antonio Bocola, Martina Parenti)

 

Il format è stato inaugurato nel 2013 con il workshop “Nutrimenti terrestri, nutrimenti celesti”, che ha dato vita a film come Frastuono di Davide Maldi (Concorso Internazionale Torino Film Festival 2014, produzione Invisibile Film - Rai Cinema), Voglio dormire con te di Mattia Colombo (selezione Cinéma du Réel 2014, coproduzione italo-francese Start srl/The Kingdom con Regione Lombardia, CNC e Procirep/Francia), Comandante di Enrico Maisto (Concorso Internazionale Lungometraggi Milano Film Festival 2014), Abacuc di Luca Ferri (Torino Film Festival 2014), Ragazzo di Lorenzo Apolli (FID Marseille 2015), Tyndall di Fatima Bianchi (Vision du Réel 2015), Mr One Thousand, di Giuliano Ricci (vincitore Premio Solinas 2015), Sponde, di Irene Dionisio (Concorso Festival dei Popoli 2015, produzione Tempesta Film e Mammut Film, Rai Cinema, con il sostegno della Torino Piemonte Film Commission), Miserande Rovine di Maria Giovanna Cicciari (Produzione Zivago Media con il sostegno del Mibact), Lettere a Baby Blue, di Donatella Di Cicco (vincitore fondo di sviluppo della Film Commission Torino Piemonte).

 

 

Successivamente si è prefezionato con le edizioni di In Progress del 2014 e del 2015 concentrandosi sulla fase di sviluppo, momento importante e critico del processo creativo e realizzativo, spesso trascurato nel sistema italiano e da cui dipendono l’esito concreto delle idee cinematografiche e gran parte della struttura organizzativa, produttiva e finanziaria del film.

 

Tutte le case histories di successo dei progetti sviluppati nelle edizioni 2014 e 2015 di In Progress: premi, co-produzioni e selezioni ai festival.

 

 

Il progetto

 

Attraverso il presente bando, Milano Film Network, con il supporto di Fondazione Cariplo e in collaborazione con Filmmaker e Lombardia Film Commission, intende sostenere gli autori nello sviluppo e nella realizzazione di film e progetti audiovisivi innovativi nel linguaggio, nelle tecniche, nei contenuti e nella modalità produttive. Il percorso formativo si articola in una serie di approfondimenti teorico-pratici, condotti da registi e professionisti di profilo internazionale, alla quale si unisce una costante attività di confronto con alcune figure di riferimento e un'ulteriore fase di tutoraggio. L'intero progetto è finalizzato allo sviluppo di idee cinematografiche che, una volta formalizzate in progetti realizzativi, verranno selezionate e sostenute dal punto di vista creativo, organizzativo e finanziario.

In Progress 2016 è aperto a progetti di finzione, documentari, sperimentali e seriali. Il laboratorio vedrà nel 2016 la partecipazione del regista Michelangelo Frammartino (Il dono, Le quattro volte), il regista e produttore Carlo Hintermann (The Dark Side of the Sun) in qualità di mentor dei progetti selezionati; Leonardo Di Costanzo (L'intervallo) si occuperà dell'introduzione del corso e della prima guida ai progetti.

 

 

A chi si rivolge

 

A tutti gli autori, italiani o stranieri che alla data di scadenza del bando abbiano realizzato almeno un lavoro audiovisivo presentato pubblicamente. Gli incontri si terranno esclusivamente in lingua italiana.

 

 

Come presentare la domanda

 

Per partecipare alla selezione, occorre presentare un progetto di film o audiovisivo articolato nei seguenti materiali:

 

a) Autopresentazione e motivazioni dell’autore rispetto al progetto (max 2000 caratteri)

 

b) Curriculum con filmografia (formato libero max 4000 caratteri)

 

c) Link ai lavori realizzati in precedenza (secondo le modalità previste dall’entry form)

 

d) Sinossi del progetto in sviluppo (max 2000 caratteri). È data piena libertà di genere e durata.

 

e) Intenzioni di regia (max 4000 battute)

 

f) Indicazione degli elementi di fattibilità del progetto, di eventuali collaborazioni creative e produttive (max 2000 battute)

 

g) Contatti

 

Ai candidati pre-selezionati potrà essere richiesto un incontro preliminare conoscitivo.

 

 

Scadenza e luogo di presentazione delle domande

 

LE DOMANDE DI AMMISSIONE DEVONO ESSERE CARICATE COMPILANDO L'APPOSITO ENTRY FORM A QUESTO LINK ENTRO E NON OLTRE IL 6 MAGGIO 2015

 

 

Modalità di partecipazione

 

Una commissione nominata dal Milano Film Network selezionerà, entro il 16 maggio 2016, fino a un massimo di 20 candidati ai quali verrà richiesta una quota di iscrizione di euro 500,00.

Gli incontri si terranno a Milano durante il fine settimana, nel periodo compreso tra fine maggio e settembre 2016 – il calendario sarà comunicato ai progetti selezionati entro il 16 maggio. Al termine di questa fase, e non oltre il 18 settembre 2016, i candidati selezionati dovranno elaborare un dossier produttivo relativo al progetto audiovisivo sviluppato che verrà valutato da una giuria esterna composta da esperti del settore e nominata dal Milano Film Network.

Alla valutazione della giuria saranno ammessi solo gli elaborati presentati dai candidati che avranno partecipato almeno al 75% degli incontri. La giuria sceglierà i 3 progetti vincitori di borse di sviluppo e formulerà una graduatoria di merito di 10 progetti che saranno invitati ad una giornata di presentazione e pitching con professionisti del settore durante il Filmmaker Festival 2016 (25 novembre – 4 dicembre).

 

Il MFN sosterrà economicamente il progetto meglio classificato con una borsa di sviluppo di euro 5000 e il secondo classificato con una borsa di 4000 euro grazie al contributo di Lombardia Film Commission. Un ulteriore contributo di euro 2000 verrà erogato dall'Associazione Filmmaker ad uno dei cinque progetti meglio classificati grazie al contributo del Fondo “Passion” Silvano Cavatorta.

Le decisioni delle commissioni e dell’organizzazione sono inappellabili. Tutti gli iscritti all'atto dell'iscrizione si impegnano a rispettare le seguenti condizioni minime:

 

1. Riportare nei titoli di testa delle produzioni audiovisive realizzate il logo del Milano Film Network, il logo di Filmmaker, il logo di Fondazione Cariplo, e quello di Lombardia Film Commission per la borsa relativa, accompagnati dalla dicitura: “Opera realizzata con il contributo di Milano Film Network, Lombardia Film Commission, Filmmaker e Fondazione Cariplo nell'ambito del workshop di sviluppo IN PROGRESS 2016”.

 

2. Concedere al Milano Film Network e ai festival che lo compongono l’utilizzo delle opere realizzate all’interno delle attività istituzionali e senza scopo di lucro.

 

SCARICA IL BANDO IN PDF

 

Per ulteriori informazioni: workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: Le migrazioni: come e perché raccontarle, con le immagini
 Data inizio: 14/03/2016
 Data fine: 17/03/2016
 Durata: dal 14 al 17 marzo
 Costo: 100 euro
 Scadenza iscrizioni: 2016-02-28
 Programma:

Milano Film Network, in collaborazione con Sguardi Altrove Film Festival, presenta il workshop di videomaking "Le migrazioni: come e perché raccontarle, con le immagini", condotto dal documentarista Paolo Martino in programma dal 14 al 17 marzo al Mudec- Museo Delle Culture (Milano).

Il viaggio è uno dei temi che più ha motivato e ispirato la produzione narrativa nella storia dell’umanità. L’incontro ravvicinato tra culture diverse mette in discussione le culture stesse e genera i vuoti necessari all’espressione artistica.  A questo compito non si è sottratto il cinema, soprattutto nella sua forma più emozionalmente legata alla realtà: il documentario.
Raccontare le migrazioni significa in primo luogo dubitare. Ogni passo in direzione dell’altro sembra inizialmente un distacco da casa, dal gruppo, dalle origini. Via via che ci si sposta, però, si scopre che le radici, e con esse le appartenenze, affondano in una enorme, intrecciata materia comune che prescinde dallo spazio e dal tempo, e che si chiama umanità. Il racconto dell’altro si fa quindi racconto e scoperta di se stessi.
La continua eco generata oggi dalle migrazioni sui media europei incalza continuamente sia il narratore che il pubblico, sollecitando entrambi su qualcosa che viene avvertito come prossimo, imminente, allarmante; da qui la necessità di soluzioni espressive nuove, urgenti, elaborazioni di punti di vista originali e fecondi.
Come può un narratore avvicinarsi a questo fenomeno senza restarne schiacciato? Quali punti di vista ha a disposizione un videomaker per mantenere uno sguardo profondo e consapevole? Dove passano i confini tra noi e gli altri?

Nel workshop a cura di Sergio Di Giorgi verranno affrontare le scelte che un autore deve compiere durate il processo di scelta del soggetto e di scrittura del trattamento per procedere poi nella definizione delle location, dei compagni di viaggio, delle risorse e delle attrezzature necessarie.
Momento costitutivo del processo sarà la strada, luogo di incontro per definizione, dove scopriremo che chi ci cammina a fianco ogni giorno ed è venuto da lontano, non è solo portatore, di lingue, vestiti, abitudini diverse, ma è in primo luogo interprete e protagonista della realtà unica e indivisibile in cui viviamo tutti i giorni: la società.
Infine, in sede di montaggio si tornerà ai problemi teorici discussi in partenza, dal soggetto al trattamento, ma calati adesso nella concretezza del materiale girato, cercando un efficace compromesso tra le idee iniziali e il risultato del lavoro nelle giornate trascorse in strada.
Il montato finale verrà infine “compresso” per crearne un racconto da proiettare durante il Festival Sguardi Altrove.

Paolo Martino
Reporter e documentarista, frequenta da anni il Medio Oriente. Nel 2011 ottiene un premio giornalistico europeo seguendo la rotta dei rifugiati afghani dal Kurdistan all'Italia. Nel 2012 viaggia dal Caucaso a Beirut seguendo i luoghi e la storie della diaspora armena mediorientale. Nel 2013 il suo documentario "Just about My Fingers" sulla condizione dei rifugiati in Grecia riceve vari riconoscimenti. E' autore di vari reportage pubblicati su riviste italiane ed internazionali. Il suo docufilm "Terra di Transito” (2014) prodotto da Istituto Luce - Cinecittà viene proiettato nelle sale italiane ed europee. Ha 32 anni.

Informazioni pratiche
I candidati dovranno inviare il proprio curriculum e una breve nota motivazionale  all’indirizzo mail: comunicazionesguardialtrove@gmail.com

I partecipanti dovranno essere in possesso di videocamera e computer personale dotato di apposito programma di montaggio.

Il workshop avrà luogo dalle ore 10:00  alle ore 17:00 presso il Mudec per le fasi  d’aula e in altri setting per le riprese video.

Il costo di iscrizione per la partecipazione al workshop è di 100,00 euro.

Numero max di partecipanti: 20

Scadenza Iscrizioni: 28 febbraio

Per ulteriori informazioni: Bianca Badialetti comunicazionesguardialtrove@gmail.com

MUDEC: via Tortona 56, Milano


 Titolo: I set della realtà
 Data inizio: 29/11/2015
 Data fine: 29/11/2015
 Durata: 1 giorno
 Costo: 10 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-11-29
 Programma:

Masterclass con Daniele Incalcaterra cura di MFN in collaborazione con Filmmaker, in 29 novembre alla Fabbrica del Vapore.
Daniele Incalcaterra, protagonista della retrospettiva di Filmmaker 2015, racconta il suo metodo e ripercorre le tappe del suo confronto appassionato e continuo con la realtà sociale e politica. In Russia, Bolivia, Argentina, Italia e Paraguay il regista trova i mezzi per ricostruire un mondo, intrecciare rapporti, cogliere momenti di trasformazione epocale.
Una pratica documentaristica in continua evoluzione, che dal cinema diretto degli Atelier Varan a El Impenetrable, dove l'autore si presenta come il protagonista della sua storia, ha sempre offerto spunti nuovi e seminato vocazioni a filmare nelle generazioni più giovani.

L'incontro si terrà dalle ore 10 alle ore 13 presso la Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4.
Il costo di iscrizione per la partecipazione alla masterclass è di 10 euro.

Per ulteriori informazioni:
Nadia Fontanella
workshop@milanofilmnetwork.it
023313411


 Titolo: Cinema, scrittura e immagine
 Data inizio: 24/10/2015
 Data fine: 15/11/2015
 Durata: Dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18
 Costo: 250 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-10-20
 Programma:

Vuoi scrivere di cinema e non sai da che parte cominciare? Ti sei cimentato con la scrittura giornalistica e vorresti farne un mestiere? Scrivi di cinema e vorresti avvicinarti ai festival e alle loro pubblicazioni? Ami la fotografia e vuoi capire come si racconta una storia per immagini? Usi la videocamera e vorresti diventare un videoreporter?
Per cercare di rispondere a queste domande, il Milano Film Network propone un Workshop dedicato al giornalismo cinematografico, chiamando professionisti di primo piano a condurlo. Il workshop offrirà ai partecipanti una preparazione rigorosa che parte dai “fondamentali” del giornalismo cinematografico sulla carta stampata e in tv – la notizia, l’intervista, la scheda filmica – e li connette con la realtà complessa dei festival.
A tenere le lezioni ci sono Luca Barnabé (Ciak), Renata Ferri (Amica, IoDonna), Paola Piacenza (IoDonna), Cristina Piccino (Il Manifesto) e Akim Zejjari (Sky).  Il progetto è di Luca Mosso (Filmmaker Festival – La Repubblica).


Il taglio del workshop è teorico-pratico: dopo accurate ricognizioni dell'argomento, i partecipanti si misureranno con esercitazioni pratiche. Le schede, le notizie e le interviste realizzate saranno lette e corrette dai docenti che simuleranno in modo realistico il funzionamento di una redazione. Lo stesso avverrà per la sezione audiovisiva dove verranno esplorate le specificità del video nel lavoro ai festival (intervista, reportage, il colore...).


A chi porterà a termine il workshop verrà offerta un'esercitazione nella redazione di MFN Daily, pubblicazione quotidiana online che esce in corrispondenza ai 7 festival del Network. Ad ognuno verrà offerta la possibilità di misurarsi con il lavoro di redazione, scrivendo ed editando notizie, schede e interviste sotto la guida del giornalista professionista che sarà chiamato a dirigere la pubblicazione. Lo stesso avverrà per i contributi video che verranno quotidianamente realizzati, montati e caricati sulla piattaforma audiovisiva del MFN.
Il profilo ideale del partecipante al Workshop va dallo studente dell'ultimo anno delle scuole e dei master di giornalismo e dei corsi di laurea di cinema e spettacolo al giovane pubblicista che ha già avuto modo di cimentarsi con la scrittura giornalistica su testate online o cartacee. Particolarmente interessanti le prospettive per il fotografo e il redattore che vogliono capire i segreti del photo editing e per il giornalista che vuole aggiornarsi al mezzo e al linguaggio audiovisivo (tv, web, ecc).

Il workshop è realizzato in collaborazione con Mediterranea 17 - Biennale Giovani Artisti 2015 e Comune di Milano.

Il calendario di lezioni e esercitazioni è il seguente:

24 ottobre h. 10-13 e 14-18
Scrivere. Come redigere un testo, la scheda di un film, come organizzare e realizzare un'intervista


25 ottobre h. 10-13 e 14-18
Scegliere. La selezione delle notizie e la loro gerarchia. Disegnare una pagina: testi, immagini, elementi grafici


7 novembre, h. 10-13 e 14-18
Vedere. Immagini e testi: la fotografia come racconto. La selezione delle immagini e il lavoro del Photo editor.


8 novembre, h. 10-13 e 14-18
Editare: la cucina di redazione, sulla carta e online; le regole redazionali e il prontuario cui attenersi quando “si passano" testi


14 novembre, h. 10-13 e 14-18
In movimento/1. L'intervista in video: opportunità e rischi.


15 novembre, h. 10-13 e 14-18
In movimento/2. Il videoreportage ai festival

La quota di iscrizione, che comprende lezioni frontali, esercitazioni e stage è di 250 euro.
Il workshop è a numero chiuso e per iscriversi è necessario compilare l'apposito form alla fine della pagina.
I partecipanti dovranno essere dotati di un computer portatile.

Info e iscrizioni:
Ottavia Fragnito, workshop@milanofilmnetwork.it - tel. 023313411


 Titolo: Raccontare gli Spazi
 Data inizio: 19/09/2015
 Data fine: 10/10/2015
 Durata: 3 incontri
 Costo: 300 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-09-13
 Programma:

Milano Film Network in collaborazione con INVIDEO presenta "Raccontare gli spazi", workshop di regia con Davide Ferrario.

 

Rappresentare i luoghi dell’Arte. Come lo spiega Davide Ferrario, che nell'ultimo anno ha seguito la ristrutturazione, fino alla riapertura, dell’Accademia Carrara di Bergamo. Ma come si racconta un luogo dell’arte? Davide Ferrario volge in chiave didattica il suo approccio partecipativo e investigativo ai luoghi che conservano l’arte. La sua sensibilità e la sua capacità di individuare nei dettagli lo spirito di un luogo si tradurranno in preziosi suggerimenti allo sguardo in una guida all’articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative.

 

Qui una biografia completa di Davide Ferrario.

 

Obiettivo:realizzare dieci piccoli film capaci di rappresentare i nuovi spazi dell’Arte a Milano.

 

Il workshop

 

Il workshop sarà strutturato in tre incontri, che si terranno a Milano nelle seguenti date: 26 settembre, 3 ottobre, 10 ottobre 2015.
Il primo incontro sarà dedicato ad un momento introduttivo e all'analisi dei singoli progetti da parte del docente, che si confronterà con ciascuno dei registi selezionati sul lavoro che essi andranno a realizzare. I partecipanti avranno quindi a disposizione due settimane per effettuare le prime riprese nei luoghi scelti. Un primo montaggio del materiale realizzato sarà oggetto di discussione del secondo incontro, il 3 ottobre. I partecipanti torneranno infine a confrontarsi in aula con il docente nell'ultimo incontro previsto per il 10 ottobre. Entro il 17 ottobre 2015, infine, tutti dovranno consegnare i propri lavori per la fase di finalizzazione.

 

Il risultato sarà un film collettivo a episodi, ciascuno della durata di 5 minuti massimo, che verrà presentato in occasione della prossima edizione di Invideo-Mostra Internazionale di video e cinema oltre.

 

Tempistiche e modalità di partecipazione

 

Il corso, a numero chiuso (al massimo 12 partecipanti), é rivolto a giovani filmmaker che abbiano già realizzato almeno un lavoro audiovisivo proiettato in pubblico e che abbiano la disponibilità di attrezzature di ripresa (videocamera o macchina fotografica) e di montaggio.

 

Per candidarsi al workshop è necessario rispondere al form di iscrizione (in calce alla descrizione) e inviare all'indirizzo workshop@milanofilmnetwork.it il Curriculum, una breve presentazione del progetto (massimo 2000 battute) e link a precedenti lavori, entro il 13 settembre 2015.

 

I progetti presentati dovranno avere ad oggetto uno dei nuovi spazi dell'arte a Milano, quali ad esempio il Museo del Novecento, il Mudec (Museo delle Culture), La Casa delle Culture del Mondo etc...

 

Gli esiti della selezione verranno comunicati entro il 10 settembre 2015.
Ai partecipanti verrà richiesta una quota di iscrizione di 300 euro. E' previsto il 10% di sconto per i possessori di tessera MFN.

 


 Titolo: OFFSIDE - Make a secret event
 Data inizio: 07/09/2015
 Data fine: 18/09/2015
 Durata: due settimane
 Costo: 100 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-08-31
 Programma:


Workshop per l'organizzazione e la gestione di una proiezione fuori programma al Milano Film Festival

 

Milano Film Network in collaborazione con Milano Film Festival organizza un workshop dedicato alla programmazione, all'organizzazione e alla gestione di un evento speciale durante Milano Film Festival.
Una proiezione 'offside', fuorigioco e fuori programma, che avverrà in un luogo nascosto durante il programma del MFF2015, e sarà interamente gestita, organizzata e programmata dal team di partecipanti al workshop, sotto la guida di un tutor specializzato.

 

OBIETTIVI FORMATIVI
I partecipanti si confronteranno con una serie di problematiche, la cui gestione consentirà loro di comprendere le basi per:
- organizzare una proiezione-evento, con risorse limitate a disposizione
- programmare un evento cinematografico in un luogo non convenzionale e in tempi ridotti
- ideare un piano di comunicazione per un evento a carattere straordinario
- gestire e coordinare un team di persone impegnate su un progetto
- relazionarsi con altri team professionali già al lavoro su progetti strutturati
- impostare politiche base di ticket pricing, bar pricing, analisi del pubblico, programmazione site-specific.
- conoscere le caratteristiche e le responsabilità dei singoli ruoli all’interno di un’organizzazione di eventi cinematografici (artistic director, film programmer, production manager, pr and communication management, press relations…)

 

I partecipanti avranno inoltre la possibilità di vivere il Milano Film Festival 2015 da una prospettiva unica e speciale, quella di organizzatori indipendenti all’interno di un’organizzazione già consolidata.

 

CHI PUO' PARTECIPARE
Al workshop possono partecipare studenti e neolaureati di qualsiasi formazione.
Il workshop é tuttavia particolarmente consigliato a studenti e neolaureati in marketing e organizzazione degli eventi (culturali e non), Film and Cultural Studies, economia, tecnologie per l’audiovisivo, nonché produzione.
Il requisito fondamentale è la motivazione e la voglia di fare, di lavorare in team per la creazione di un evento speciale e fuori dal comune.

È consigliata una buona conoscenza della lingua inglese.


Numero di partecipanti: max 20 persone

Per partecipare alla selezione inviare il proprio curriculum e una lettera motivazionale (meglio se in lingua inglese) all'indirizzo mail: workshop@milanofilmnetwork.it

Il termine previsto per l'invio della propria candidatura è il 31 agosto 2015

 

TEMPISTICHE

primi di settembre: incontri skype con il tutor
dal 7 al 18 settembre 2015: due settimane intensive per la realizzazione dell'evento. Luogo: Milano

 

TUTOR
Emma Mattei
è la co-fondatrice di Kinematik Short Film Festival di Malta, specializzato nell'ospitare proiezioni in luoghi non convenzionali. È anche programmer per Future Shorts, un festival globale che coinvolge più di 300 città in 90 paesi. È anche fondatrice del Uncommon guidebook project. Sta attualmente producendo una serie di cortometraggi per La Valletta, candidata a capitale europea della cultura per il 2018. Ha vissuto a lungo tra Milano, Copenhagen e Parigi, attualmente risiede a Londra.

 

QUOTA DI ISCRIZIONE: € 100,00

 

Per ulteriori informazioni
Giulia Bramati - segreteria workshop
tel. 023313411  |  e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it

 


 Titolo: Il racconto del reale e le strategie indipendenti
 Data inizio: 06/07/2015
 Data fine: 06/07/2015
 Durata:
 Costo: Gratuita
 Scadenza iscrizioni: 2015-07-06
 Programma:

Milano Film Network propone, in occasione della ventinovesima edizione del Festival Mix, una masterclass con la regista Maria Arena, regista del documentario “Gesù é morto per i peccati degli altri”.
La masterclass dal titolo “Il racconto del reale e le strategie indipendenti”, a cura di Giampaolo Marzi, si svolgerà lunedì 6 luglio (alle ore 17,00) presso il Piccolo Teatro Strehler.

Un racconto del cinema del reale o del reale attraverso il cinema, tra messa in forma e ricostruzione. Cosa va tenuto e cosa va buttato? Il dilemma di 70 ore di girato e 90’ di film. Nuove strategie di condivisione in rete, crowdfunding e nuovi strumenti di finanziamento e coinvolgimento dal basso, la comunicazione attraverso i social e l’ufficio stampa, la distribuzione in sala attraverso la creazione di eventi online.

Il film “Gesù é morto per i peccati degli altri” sarà proiettato sabato 4 luglio alle ore 19, sempre al Piccolo Teatro Strehler.

 

MARIA ARENA
Nata a Catania vive a Milano dove si è laureata in Filosofia e diplomata in Regia alla Scuola Civica di Cinema. Autrice e regista di cortometraggi: Ceremony (Festival del Cinema di Locarno 2007), Io/la religione del mio tempo (Festa del Cinema di Roma 2007), Deserto Grigio (Festival del Cinema di Locarno 2008), Viaggiatore Solitario (residenza REACT! Santarcangelo 40 Festival 2010; Filmmaker di Milano 2010). Regista di videoclip (Cesare Basile, Mario Biondi, Mario Venuti, The Dining Rooms, Peter Sellers & THP), Ha realizzato videoinstallazioni (Camera del sonno, FraLeMura, Due o tre cose che so di lei), performance e spettacoli teatrali (Promise, Io ho fatto tutto questo/dedicato a Goliarda Sapienza, Democrazia, Del Purgatorio). Docente in Digital Video, dal 2004 all’Accademia di Belle Arti di Catania, dal 2012 alla Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte di Brera Milano.
‘Gesù è morto per i peccati degli altri’ è il suo primo lungometraggio.

 

Per ulteriori informazioni:
Giulia Bramati- segreteria workshop
telefono: 023313411
e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: Masterclass con Abderrahmane Sissako
 Data inizio: 09/05/2015
 Data fine: 09/05/2015
 Durata: 3 ore
 Costo: 15 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-05-09
 Programma:

Milano Film Network propone, in collaborazione con il Festival Africano, d'Asia e d'America Latina una masterclass con Abderrahmane Sissako, famoso regista candidato all'Oscar per il Miglior Film Straniero 2015 con Timbuktu e fresco vincitore di 7 premi César.
Un viaggio lungo la sua carriera, dal primo cortometraggio, Le Jeu, presentato alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes nel 1991, per dialogare su temi, stile e ossessioni del suo cinema.


Ore 10.00
Proiezione del film LA VIE SUR TERRE
di Abderrahmane Sissako, Mali/Francia, 1998, 61' Alla vigilia del 2000 il regista torna nel villaggio dove vive il padre, poche case sperdute nella savana del Mali. Errando in bicicletta tra strade e campi, Sissako mostra, tra realtà e fiction, l’isolamento dell’Africa, dove il tempo sembra essersi fermato e il nuovo millennio giunge senza rilevanti cambiamenti.

Ore 11.00
Masterclass di Abderrahmane Sissako. A cura di Giuseppe Gariazzo.

Abderrahmane Sissako
Nasce nel 1961 a Kiffa, in Mauritania, e trascorre infanzia e adolescenza in Mali, Paese di nascita di suo padre. Nel 1989 si diploma in regia alla VGIK, la Scuola di cinema di Mosca, con il cortometraggio Le Jeu. Nel 1993 Octobre vince il premio per il miglior cortometraggio di Un Certain Regard. Nel 1997 realizza il documentario Rostov-Luanda e nel 1999 La vie sur terre vince la menzione speciale della giuria al Fespaco. Nel 2002 il suo lungometraggio d'esordio, Heremakono. Aspettando la felicità è il Miglior Film al Fespaco e Premio Fipresci a un Un Certain Regard. Nel 2006 realizza Bamako, che lo consacra all'attenzione di pubblico e critica. Timbuktu è presentato nel 2014 nella competizione ufficiale del Festival di Cannes, vince 7 César ed è candidato all'Oscar per il Miglior Film Straniero.


Giuseppe Gariazzo, critico cinematografico (Filmcritica, Panoramiche, Eco di Biella, Il ragazzo selvaggio, La rivista del cinematografo, www.sentieriselvaggi.it). Esperto di cinema africano, arabo e medio-orientale, dal 1999 lavora per il Festival Africano, d'Asia e d'America Latina di Milano. Consulente per festival italiani e internazionali, dal 1999 al 2006 ha lavorato per il Torino Film Festival. Dal 2013 fa parte del comitato di selezione della “Settimana della Critica” della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Nel 2014 ha fatto parte del comitato di lettura di progetti e sceneggiature per la Apulia Film Commission di Bari. Ha pubblicato John Carpenter (1995), James Cameron (1998), Poetiche del cinema africano (1998), Breve storia del cinema africano (2001), Onde del desiderio: il cinema egiziano dalle origini agli anni settanta (con Maria Silvia Bazzoli, 2001). Suoi saggi sono pubblicati su quaderni e volumi collettivi, italiani e stranieri. Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale e al Dizionario dei registi (Einaudi) e all’Enciclopedia della Storia del Cinema (Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani).



Quota di iscrizione
la quota di iscrizione prevista per ogni partecipante é di euro 15, da versarsi al momento del perfezionamento dell'iscrizione.
Per chi possiede la tessera MFN, sconto del 10% sulla quota d’iscrizione.

9 maggio 2015. Milano, Spazio Oberdan (Viale Vittorio Veneto 2)

Per ulteriori informazioni
Giulia Bramati - segreteria workshop
tel. 023313411  |  e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: In progress
 Data inizio: 17/04/2015
 Data fine: 27/04/2015
 Durata:
 Costo:
 Scadenza iscrizioni: 2015-04-27
 Programma:

Milano Film Network, in collaborazione con Filmmaker, propone un nuovo laboratorio produttivo finalizzato allo sviluppo di progetti audiovisivi e rivolto agiovani registi.
Al termine dell'esperienza, verranno selezionati 5 progetti vincitori: i due progetti meglio classificati saranno sostenuti economicamente dal Milano Film Network con un contributo di € 5000 ciascuno. Un ulteriore contributo di € 2000 verrà erogato dall'Associazione Filmmaker ad uno dei cinque progetti meglio classificati.

L'esperienza, alla sua seconda edizione, si basa sull'attività di sviluppo e sostegno alla produzione portata avanti da oltre trent'anni dall'associazione Filmmaker e grazie alla quale sono stati prodotti i primi film di Studio AzzurroSilvio SoldiniMichelangelo FrammartinoAlina MarazziMartina Parenti e molti altri.

Il format - inaugurato nel 2013 con il workshop “Nutrimenti terrestri, nutrimenti celesti” (che ha dato vita a film come Frastuono di Davide Maldi, in concorso all'ultima edizione del Torino Film FestivalVoglio dormire con te di Mattia Colombo, selezione Cinéma du RéelRagazzo di Lorenzo Apolli,FID MarseilleTyndall di Fatima BianchiVision du Réel) e perfezionato nel 2014 – si concentra sulla fase di sviluppo, momento importante e critico del processo creativo e realizzativo, spesso trascurato nel sistema italiano eda cui dipendono l’esito concreto delle idee cinematografiche e gran parte della struttura organizzativa, produttiva e finanziaria del film.

>Il progetto
Attraverso il presente bando Milano Film Network, con il supporto della Fondazione Cariplo e in collaborazione con Filmmaker, intende sostenere gli autori nello sviluppo e nella realizzazione di film e audiovisivi innovativi nel linguaggio, nelle tecniche, nei contenuti e nella modalità produttive. Il percorso formativo si articola in una serie di approfondimenti teorico-pratici, condotti da registi e professionisti di profilo internazionale, alla quale si unisce una costante attività di confronto con alcune figure di riferimento e un'ulteriore fase di tutoraggio. L'intero progetto è finalizzato allo sviluppo di idee cinematografiche che, una volta formalizzate in progetti realizzativi, verranno selezionate e sostenute dal punto di vista creativo, organizzativo e finanziario.
In progress è aperto a progetti di finzione, documentari, sperimentali e seriali.
Il laboratorio vedrà la partecipazione delle seguenti figure del panorama italiano: il regista Leonardo Di Costanzo (A scuola, L'intervallo), il regista e produttore Carlo Hintermann (The Dark Side of the Sun), Massimo D'Anolfi e Martina Parenti (Il castello, Materia oscura). 
Inoltre i candidati avranno l'opportunità di incontrare diverse figure professionali che lavorano nel campo dei festival, della produzione e della distribuzione, tra cui Paolo Benzi (produttore), Lara Fremder (sceneggiatrice), Maria Bonsanti (direttore Cinéma du Réel, Paris), Carlo Chatrian(Festival del film Locarno), Savina Neirotti (Torino Film Lab), Paolo Manera (Filmcommission Piemonte)

>A chi si rivolge
A tutti gli autori, italiani o stranieri, che alla data di scadenza del bando abbiano realizzato almeno un lavoro audiovisivo presentato pubblicamente.

>Come presentare la domanda 
Per partecipare alla selezione, occorre presentare un progetto di film o audiovisivo articolato nei seguenti materiali:
a) Autopresentazione e motivazioni dell’autore rispetto al progetto (1 cartella)
b) Curriculum con filmografia (formato libero max 2 cartelle)
c) Lavori realizzati in precedenza (secondo le modalità previste dall’entry form)
d) Sinossi del progetto in sviluppo (1 cartella). È data piena libertà di genere e durata.
e) Intenzioni di regia (1 cartella)
f) Indicazione degli elementi di fattibilità del progetto, di eventuali collaborazioni creative e produttive (1 cartella)
g)Contatti
Ai candidati preselezionati potrà essere richiesto un incontro preliminare conoscitivo.

>Scadenza e luogo di presentazione delle domande
LE DOMANDE DI ISCRIZIONE DEVONO ESSERE CARICATE COMPILANDO L'APPOSITO ENTRY FORM A QUESTO LINK ENTRO E NON OLTRE IL 27 APRILE 2015.

>Modalità di partecipazione
Una commissione nominata dal Milano Film Network selezionerà, entro il 30 aprile 2015, fino a un massimo di 20 candidati ai quali verrà richiesta una quota di iscrizione di euro 300,00
Gli incontri si terranno a Milano durante il fine settimana, nel periodo compreso tra maggio e settembre 2015.
Al termine di questa fase, e non oltre il entro il 10 ottobre 2015, i candidati selezionati dovranno elaborare un dossier produttivo relativo al progetto audiovisivo sviluppato che verranno valutati da una giuria esterna composta da esperti del settore e nominata dal Milano Film Network
Alla valutazione saranno ammessi solo gli elaborati presentati dai candidati che avranno partecipato almeno al 75% degli incontri.
La giuria sceglierà i 5 progetti vincitori, e formulerà una graduatoria di merito. Il MFN sosterrà economicamente i due progetti meglio classificati con un contributo di euro 5000 ciascuno e garantirà agli autori dei cinque i progetti selezionati un periodo di ulteriore affiancamento da parte di tutor qualificati.
Un ulteriore contributo di euro 2000 verrà erogato dall'associazione Filmmaker ad uno dei cinque progetti meglio classificati.
Le decisioni delle commissioni e dell’organizzazione sono inappellabili.

Tutti gli iscritti si impegnano a rispettare le seguenti condizioni minime:
1. Riportare nei titoli di testa delle produzioni audiovisive realizzate il logo del Milano Film Network, il logo di Filmmaker e quello di Fondazione Cariplo, accompagnati dalla dicitura: "Opera realizzata con il contributo di Milano Film Network, Filmmaker e Fondazione Cariplo".
2. Concedere al Milano Film Network e ai festival che lo compongono l’utilizzo delle opere realizzate all’interno delle attività istituzionali e senza scopo di lucro. 

Per ulteriori informazioni: 
Giulia Bramati - segreteria workshop
telefono 023313411 | e-mail workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: Filmare l'invisibile
 Data inizio: 22/03/2015
 Data fine: 22/03/2015
 Durata:
 Costo: 20 euro
 Scadenza iscrizioni: 2015-03-22
 Programma: FILMARE L'INVISIBILE - MASTERCLASS CON COSTANZA QUATRIGLIO

Milano Film Network propone, in occasione della XXIIesima edizione del festival Sguardi Altrove, una masterclass con la regista Costanza Quatriglio, a cura di Patrizia Rappazzo (direttrice artistica di Sguardi Altrove), il 22 marzo dalle ore 10 alla Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4.     

Si può filmare l’invisibile? Ciò accade quando il filmabile non basta a sé stesso ma si fa veicolo di complessità, nella costruzione di spazi da riempire attraverso l’esperienza della narrazione e l’attribuzione di senso. La masterclass sarà incentrata sul disvelamento dell’invisibile che c’è dietro una scena, una sequenza, un film. Si lavorerà sul potere evocativo delle immagini - anche su quelle di repertorio - e su quanto queste siano capaci di portarci dentro territori inesplorati nel superamento dei limiti del reale e della sua rappresentazione.


Quota di iscrizione
La quota di iscrizione prevista per ogni partecipante é di euro 20, da versarsi al momento del perfezionamento dell'iscrizione
Numero massimo di partecipanti: 50
Sconto del 10% sulla quota di partecipazione per i tesserati MFN



BIOGRAFIA REGISTA:
Costanza Quatriglio
(Palermo, 1973) regista. Ha realizzato diversi film e documentari vincitori in numerosi festival.  Il suo film d'esordio L'isola è stato presentato al Festival di Cannes nel 2003. E’autrice di  Terramatta; (2012), ispirato al libro «Terra Matta» di Vincenzo Rabito e presentato alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Il film ha ricevuto importanti riconoscimenti fra cui l'Efebo d'Argento e il Nastro d’Argento 2013 come miglior documentario italiano. Il successivo Con il fiato sospeso (2013), interpretato da Alba Rohrwacher,  affronta la storia vera dei ragazzi intossicati fino alla morte nel laboratorio di Farmacia dell’Università di Catania ed è stato presentato fuori concorso a Venezia nel 2013 ottenendo il Premio intitolato a Gillo Pontecorvo. Ha partecipato alla 32sima edizione del Torino Film Festival con il suo ultimo lavoro Triangle (2014).


Per ulteriori informazioni:
Giulia Bramati- segreteria workshop
telefono: 023313411
e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: QUI. Il documentario come punto di vista
 Data inizio: 07/12/2014
 Data fine: 07/12/2014
 Durata: dalle 10 alle 13
 Costo: 10 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma:

MILANO FILM NETWORK in collaborazione con Filmmaker e Comune di Milano presenta QUI. Il documentario come punto di vista, il 7 Dicembre 2014 allo Spazio Oberdan.
Master class con Daniele Gaglianone, autore di Qui (concorso internazionale Filmmaker Festival 2014) a cura di Luca Mosso.

 

Il cinema che si confronta con la realtà non può fare a meno di avere un punto di vista preciso. Scegliere dove stare e che cosa raccontare è il primo indispensabile tassello di una serie di decisioni che intrecciano ragioni pratiche e questioni morali. Solo in questo modo è possibile trovare quella giusta distanza dalle cose che permette alla realtà di diventare un film.

In Qui Daniele Gaglianone racconta la storia delle lotte in Val Susa con partecipazione e lucidità, seguendo i suoi personaggi ed elaborando la propria interpretazione: il risultato è un film che non offre facili soluzioni e fa riflettere profondamente.
Nel corso della lezione, che tratterà del progetto, del metodo e delle pratiche realizzative di Gaglianone, verranno proiettati e analizzati insieme brani di Qui e di altri lavori.

L'incontrò si terrà dalle ore 10 alle ore 13 allo Spazio Oberdan (viale Vittorio Veneto 2).

Il costo di iscrizione per la partecipazione alla masterclass è di 10 euro.
Per gli iscritti al workshop di Lech Kowalski “Filmare il conflitto” il costo è ridotto a 5 euro.

 

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito
workshop@milanofilmnetwork.it
tel. 023313411

 


 Titolo: L‘immagine sportiva sullo schermo
 Data inizio: 06/12/2014
 Data fine: 06/12/2014
 Durata: un giorno
 Costo: 10 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma:

MILANO FILM NETWORK presenta la Master Class L’IMMAGINE SPORTIVA SULLO SCHERMO, il 6 Dicembre alle 15.00 al Palazzo Giureconsulti (Piazza Mercanti 2), nell’ambito di Sport Movies & Tv 2014 – 32nd Milano International FICTS Fest (3 – 8 Dicembre 2014).

 

Master Class di approfondimento dedicata allo studio dell’immagine sportiva al cinema e nella televisione, attraverso l’analisi dei casi di maggior successo a livello nazionale ed internazionale.
La Master Class si propone di rendere gli studenti consapevoli dei grandi cambiamenti di linguaggio e di tecnica vissuti dal medium cinematografico e televisivo attraverso l’immagine sportiva nelle società del XX secolo e dei primi decenni del nuovo millennio.

Approfondimenti tecnici, metodologici, sociologici e comunicazionali con esperti del settore:

Prof. Franco B. Ascani
Presidente della Federation Internationale Cinema Television Sportifs e dal 1999 Direttore Artistico di Sport Movies & Tv – Milano International FICTS Fest.
Dal 2001 è Direttore del Master in Sport Management, Marketing and Society dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. È Membro della Commissione Cultura ed Educazione Olimpica del CIO e dal 1972 ad oggi ha partecipato, in varie vesti, a tutte le edizioni dei Giochi Olimpici.

 

Prof. Giorgio Simonelli
Docente di Giornalismo Radiotelevisivo e di Storia della Radio e della Televisione presso l’Università Cattolica di Milano. E’ Direttore Scientifico del Master in Comunicazione e promozione del cinema e della School in Ideazione e produzione di programmi televisivi sullo sport promossa da Almed e Sky sport. E' Consulente e Opinionista del programma TvTalk di Rai Educational.

 

Prof.ssa Paola Abbiezzi
Docente di Storia della Radio e della Televisione presso l’Università Cattolica di Brescia e di Forme della comunicazione cinematografica presso Almed, Alta Scuola in media comunicazione e spettacolo. Autrice di numerosi saggi sulla rappresentazione dello sport nei media, ha pubblicato nel 2007 il volume “La televisione dello sport. Teorie, storie, generi”.

 

Dott. Giancarlo Tomassetti
il Regista Giancarlo Tomassetti ha realizzato per la RAI le dirette dei più grandi eventi sportivi degli ultimi 35 anni, tra cui i Campionati Mondiali di calcio di Italia ‘90. Ha pubblicato “La regia televisiva dello sport” e, quest’anno, “La partita in TV – I Mondiali di calcio visti dalla regia” con la prefazione di Bruno Pizzul.

 

PROGRAMMA
Ore 15.00:
Introduzione a cura del Prof. Franco B. Ascani: “La cultura attraverso l’immagine sportiva”.
Ore 15.15 - Intervento a cura del Prof. Giorgio Simonelli: “La grande bellezza del tifo” – Dalla narrazione del cinema alle strategie comunicative televisive.

Intervento a cura della Prof.ssa Paola Abbiezzi: “Storia e generi dello sport televisivo” – Focus sui generi della diretta.

Ore 16.45 - Omaggio al Dott. Franco Zuccalà per celebrare i 50 anni di carriera nel giornalismo sportivo televisivo.

Ore 17.00 - Pausa

Ore 17.15 - Intervento a cura del Regista Giancarlo Tomassetti: “La partita in Tv” – Case History.

Ore 18.45 - Chiusura dei lavori

 

ISCRIZIONI
La Master Class, a numero chiuso (massimo 50 partecipanti), è aperta a tutti (professionisti del settore e non) e prevede una quota di iscrizione di 10 euro.

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito
workshop@milanofilmnetwork.it
tel. 023313411


 Titolo: Filmare il conflitto: Masterclass di Lech Kowalski
 Data inizio: 30/11/2014
 Data fine: 30/11/2014
 Durata: 1 giorno
 Costo: 20 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-11-30
 Programma:

MILANO FILM NETWORK in collaborazione con FILMMAKER e COMUNE DI MILANO presenta “Filmare il conflitto”: Masterclass di Lech Kowalski, il 30 Novembre 2014 al Cinema Beltrade.

In occasione della retrospettiva dedicata al suo percorso artistico nell'ambito di Filmmaker Festival 2014, una lezione sul cinema di Lech Kowalski.

 

Nato a Londra da genitori polacchi in esilio, Lech Kowalski si è trasferito presto negli Stati Uniti e ha trovato nella New York di fine anni '70 un luogo brulicante di energia e conflitti. Ha raccontato l'esplosione del fenomeno punk in D.O.A., Born to Lose e Hey Is Dee Dee Home, mettendo in evidenza la carica eversiva e la tendenza all'autodistruzione propria del movimento e delle sue stelle cadenti, da Johnny Thunders a Sid Vicious e Dee Dee Ramone.
Espatriato e outsider perenne, ha filmato gli homeless del Lower East Side (Rock Soup), i giovani anarchici di Cracovia (The Boot Factory) e gli orfani di Kabul (Charlie Chaplin in Kabul), con occhio attento alle dinamiche sociali e ai meccanismi di sopraffazione, ma senza mai compatire chi ne resta vittima o lasciare spazio al facile cronachismo da reportage televisivo.
Il suo è un cinema dinamico e spiazzante, percorso da una vitalità struggente anche nel testimoniare i drammi più atroci.

 

In un mondo segnato da confini e barriere, logiche di potere e sopraffazione, Kowalski ha filmato lo scontro tra culture e generazioni, l'abisso che separa ideali e fallimenti, il sottile baratro che si apre tra la realtà e la sua rappresentazione.
Come sottrarsi alla standardizzazione del punto di vista è la domanda che sottende tutto il suo cinema, in un incessante ricerca del luogo in cui l'individuo possa riconciliarsi alla collettività.
In East of Paradise trovano piena espressione tutti i suoi temi: spaccato in due tra la testimonianza della madre deportata in Russia e il racconto del regista che ripercorre la propria carriera, è il film che sintetizza al meglio il desiderio di servirsi del cinema per trovare una voce propria e allo stesso tempo renderla depositaria di una memoria condivisa.

 

Kowalski scruta la realtà e la filma con rabbia e passione. Dalle sue storie di deportati, emarginati e punk emergono un dolore profondo e un desiderio di rivalsa, la constatazione di un mondo segnato da ingiustizie e violenze, a volte perpetrate dalla società, altre autoinflitte. Il passato individuale si fonde in quello collettivo, filtrato dalla temperie di un'epoca, dalla musica e dai racconti di chi è sopravvissuto e resiste, o brucia con il tramonto di un'epoca.

 

L'incontrò si terrà dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17, al Cinema Beltrade, in Via Nino Oxilia, 10.

Per iscriversi è necessario compilare l'apposito form on line in fondo alla pagina o direttamente al Cinema Beltrade.

 

Il costo di iscrizione per la partecipazione alla masterclass è di 20 euro (18 euro per i tesserati MFN)

 

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito
workshop@milanofilmnetwork.it
tel. 023313411

 


 Titolo: Finzioni di realtà
 Data inizio: 23/10/2014
 Data fine: 13/11/2014
 Durata: 4 settimane
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-10-24
 Programma:

Un viaggio nel documentario contemporaneo che, attraverso il lavoro di quattro autori emblematici, testimonia la ricchezza e la vitalità dell’idea documentaria. Nei territori tradizionali e in zone dell’immaginario apparentemente molto distanti.

Il laboratorio prevede lezioni e proiezioni di film che verranno introdotti e commentati.

Gli iscritti potranno partecipare a esercitazioni al termine delle quali verranno scelti i membri della giuria giovani del festival Filmmaker 2014.

 

ISCRIZIONI

Il workshop è a numero chiuso e riservato a un massimo di 50 partecipanti.
Per iscriversi è necessario compilare l'apposito form on line in fondo alla pagina o direttamente in alla Fabbrica del Vapore.

Per ulteriori informazioni:
Ottavia Fragnito
telefono: 023313411
email: workshop@milanofilmnetwork.it

 

CALENDARIO E PROGRAMMA LEZIONI

 

23 ottobre h. 18

Programmare il caso: il cinema di Nicolas Philibert

Intervento di Luca Mosso

“Il mio immaginario non funziona a circuito chiuso. Ho bisogno di nutrirmi di incontri. Filmare l’altro è, evidentemente, anche parlare di sé. E io ho bisogno di questa strada per capire meglio chi sono”. Così Nicolas Philibert sintetizza le opposte tensioni che animano il suo lavoro e ne certificano l’autenticità all’interno di una carriera che ha attraversato tutte le forme documentarie, dal cinema militante di La Voix de son maître al cinema diretto di La Ville Louvre, dagli sconfinamenti narrativi di Essere e avere al rigore del dispositivo di Nénette. Capace di analisi rigorose e di grandi dolcezze, è uno di quegli autori che è bello sentire amici.

h. 21: proiezione di un film di Nicolas Philibert

 

30 ottobre h. 18

L'inferno visto da vicino: Il cinema di Ulrich Seidl

Intervento di Alessandro Stellino

Introduzione all'opera destabilizzante e anticonvenzionale del regista austriaco, autore della recente trilogia Paradise. Un cinema che coniuga intimità e distanza, raggelando ironia e imbarazzo nella condivisione di spazi, umori e soprattutto ossessioni dei personaggi che racconta. Ricerca formale e istanza narrativa si fondono in un percorso unico e personale, dallo sguardo impassibilmente sferzante; ricercate suggestioni pittoriche vanno a comporre quadri eleganti in cui uomini e donne posano in tutta la loro nudità morale. Mai indifferente, Seidl, colto voyeur, mostra il lato privatamente oscuro di ogni essere umano, rivelando in primis il proprio.

h. 21: proiezione di un film di Ulrich Seidl

 

6 novembre h. 18

Sceneggiare la realtà. Il cinema di Roberto Minervini.

Intervento di Dario Zonta.

I migliori registi italiani del nostro tempo sono quelli che hanno ingaggiato, in tempi e modi diversi, un intenso confronto con il reale, inteso non come linguaggio, ma come fonte di ispirazione e definizione, anche quando si è arrivati a una vera e propria “invenzione del reale” (Frammartino, Rosi, Marcello, Di Costanzo e altri). Minervini è tra questi. La sua storia personale è una piccola grande odissea che vale la pena di essere raccontata, come anche l’affondo nella sua trilogia texana. Stop the Pounding Heart, a Cannes nella selezione ufficiale 2013, è un film di rara bellezza, capace di portarci un’esperienza autentica e reale.

h. 21: proiezione di un film di Roberto Minervini

 

13 novembre h. 18

Dardenne: la verità della finzione

Intervento di Daniela Persico

Il cinema dei fratelli Dardenne si è imposto all'attenzione internazionale grazie alla vittoria a Cannes con Rosettanel 1999: un film spartiacque che ha segnato un ritorno al realismo nel cinema d'autore europeo. Ma lo stile raggiunto dai due fratelli belgi è tutt'altro che naturale: rappresenta il traguardo di un percorso che affonda le radici nel cinema documentario e nei video militanti, tra lo studio di Lévinas e il teatro di Brecht. Risalire alle origini del loro lavoro aiuta ad comprendere il senso profondo di un linguaggio, emulato da molti, ma che solo nei loro film sa trasformarsi in uno sguardo ostinato e tenace, necessario e rivelatore.

h. 21: proiezione di un film di Luc e Jean-Pierre Dardenne


 Titolo: Disegni elettrici
 Data inizio: 04/09/2014
 Data fine: 07/09/2014
 Durata: 4 giorni
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-07-28
 Programma:

DISEGNI ELETTRICI - WORKSHOP DI ANIMAZIONE CON ALAN HOLLY

 

Milano, 4-7 settembre 2014

 

Milano Film Network propone, in occasione della 19esima edizione del Milano Film Festival, un workshop di animazione finalizzato alla realizzazione di un piccolo cortometraggio musicale animato, la cui produzione sarà seguita da Alan Holly, giovanissimo animatore irlandese formatosi all'interno di Cartoon Saloon, studio d'animazione fondato da Tomm Moore, premio Oscar per The Secret of Kells, che ha prodotto il lavoro a quattro mani con Adrien Merigeau del 2009, Old Fangs.

 

L'ultima fatica di Holly, Coda, ha collezionato molti premi internazionali, non ultimo il premio del pubblico al festival musicale e cinematografico South by Southwest (Austin, Texas).

 

Alan Holly seguirà la realizzazione di un video musicale originale, della durata massima di tre minuti in grafica 2D, coordinando un gruppo di 15 partecipanti e occupandosi di concertare tra loro le varie specificità che emergeranno a livello grafico.

I partecipanti avranno a disposizione una traccia musicale appositamente creata dal musicista milanese AntiteQ.

AntiteQ e Holly lavoreranno da prima alla creazione di una traccia di musica elettronica ad hoc da presentare ai partecipanti, facendo da questa scaturire un tema o un'idea.

Il montato finale, realizzato dai partecipanti, verrà finalizzato da Holly lunedì 8 settembre e sarà presentato in apertura della maratona di animazione, all'interno del Focus Animazione del Milano Film Festival, la stessa sera.

 

A CHI SI RIVOLGE

Il workshop si rivolge a giovani studenti dei corsi di animazione oltre che ad illustratori professionisti e si svolge in lingua inglese

 

ISCRIZIONE

I candidati dovranno compilare l'apposito form di iscrizione (vedi link sottostante) e completare la loro richiesta di partecipazione inviando il proprio cv in inglese e showreel all'indirizzo mail: workshop@milanofilmnetwork.it

L'esito della selezione verrà comunicato entro il 28 luglio 2014.

Numero massimo di partecipanti: 15

 

I partecipanti devono essere in possesso del proprio computer portatile, preferibilmente fornito di pacchetto Adobe.

 

QUOTA DI ISCRIZIONE

La quota di iscrizione prevista per ogni partecipante é di 50 euro, da versarsi al momento del perfezionamento dell'iscrizione

 

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito- segreteria workshop

telefono: 023313411

e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it

 

Alan Holly è artista e filmmaker di Dublino. Ha studiato animazione e lavora in svariati ambiti dell'industria del cinema d'animazione dal 2005. È anche fotografo e musicista e gestisce una web radio. Ha diretto diversi cortometraggi, tra cui il suo più recente, Coda, è stato finanziato dall'Irish Film Board.


 Titolo: Scrivere di cinema
 Data inizio: 30/05/2014
 Data fine: 15/06/2014
 Durata: 31 ore
 Costo: 150 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-05-25
 Programma:

Milano Film Network presenta “Scrivere di cinema”, un workshop dedicato al giornalismo cinematografico con alcuni dei più accreditati professionisti della stampa italiana, realizzato in collaborazione con Comune di Milano - Settore Tempo Libero e Giovani. Un percorso in sei tappe, dal 30 maggio al 15 giugno 2014, presso la Fabbrica del Vapore di Milano, che offrirà ai partecipanti una preparazione rigorosa che parte dai “fondamentali” del giornalismo cinematografico per connetterli con la realtà complessa dei festival. 

Il workshop sarà tenuto da quattro docenti d’eccezione: Luca Barnabé (Ciak), Giovanna Calvenzi (Il Corriere della Sera), Paola Piacenza (IoDonna) e Cristina Piccino (Il Manifesto).  L'introduzione sarà a cura di Luca Mosso (Filmmaker Festival – La Repubblica) e Patrizia Rappazzo (Sguardi Altrove – Il Giornale)

Il corso dal taglio teorico-pratico, dopo accurate ricognizioni sull’argomento, porterà i partecipanti a misurarsi con esercitazioni pratiche. Le schede, le notizie e le interviste realizzate saranno lette e corrette dai docenti che simuleranno in modo realistico il funzionamento di una redazione.

A chi porterà a termine il workshop sarà offerto uno stage nella redazione di MFN Daily, pubblicazione quotidiana online che esce in corrispondenza ai 7 festival del Network. Ad ognuno sarà data la possibilità di misurarsi con il lavoro di redazione, scrivendo ed editando notizie, schede e interviste sotto la guida del giornalista professionista che sarà chiamato a dirigere la pubblicazione.

Il corso si rivolge sia agli studenti dell'ultimo anno delle scuole e dei master di giornalismo e dei corsi di laurea di cinema e spettacolo, sia ai giovani pubblicisti che hanno già avuto modo di cimentarsi con la scrittura giornalistica su testate online o cartacee.

 

COSTO

La quota di iscrizione, che comprende lezioni frontali, esercitazioni e stage è di 150 euro.

 

ISCRIZIONI

Il workshop è a numero chiuso e per iscriversi è necessario compilare l'apposito form on line entro e non oltre domenica 25 maggio.

Per completare l'iscrizione � necessario inviare all'indirizzo workshop@milanofilmnetwork.it un breve testo (tra le 500 e le 2000 battute) con le motivazioni del candidato.

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito - segreteria workshop

telefono: 023313411

e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it

 

CALENDARIO LEZIONI

 

30 maggio, ore 18-20

Il festival come evento di comunicazione

(a seguire proiezione di un film oggetto dell'esercitazione)

31 maggio ore 10-13 e 14-18

Scrivere: come redigere un testo, la scheda di un film, come organizzare e realizzare un'intervista

1 giugno ore 10-13 e 14-18

Scegliere: la selezione delle notizie e la loro gerarchia. Disegnare una pagina: testi, immagini, elementi grafici

13 giugno, ore 18-20

Comunicare un festival (a seguire proiezione di un film oggetto dell'esercitazione)

14 giugno, ore 10-13 e 14-18

Editare: la cucina di redazione, sulla carta e online; le regole redazionali e il prontuario cui attenersi quando si passano testi

15 giugno, ore 10-13 e 14-18

L’immagine e il testo: fotografia e photo editing


 Titolo: Masterclass di Zeina Daccache
 Data inizio: 11/05/2014
 Data fine: 11/05/2014
 Durata: DALLE ORE 10 ALLE ORE 13.30
 Costo: 15 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-05-10
 Programma:

MILANO FILM NETWORK in collaborazione con Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina presenta DALLA PSICOLOGIA AL DOCUMENTARIO DI CREAZIONE: MASTERCLASS DI ZEINA DACCACHE, in programma domenica 11 maggio 2014, dalle 10.00 alle 13.00 presso Spazio Oberdan (viale Vittorio Veneto 2). 

Zeina Daccache, in concorso alla 24^ edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina con il film Scheherazade's Diary, è una regista e documentarista libanese che nasce come psicologa, e in particolare come drama-therapist.

Il workshop da lei condotto ha lo scopo di illustrare il suo cinema e la sua metodologia di documentarista: il suo lavoro si svolge sempre all'interno di un gruppo di persone emarginate e spesso recluse (prigionieri, malati psichiatrici) e si avvale di nozioni di psicologia, strumenti di recitazione e di  regia documentaria per ottenere un effetto terapeutico, un forte impatto sociale e un prodotto finale audiovisivo di valore sia sociale che artistico.

Il destinatario finale dei documentari di Zeina Daccache è la società civile: quella stessa società che impone leggi e regole che toccano profondamente la vita di ogni giorno di comunità emarginate e che il lavoro di Zeina cerca di cambiare.

Durante la masterclass la regista mostrerà frammenti dei suoi film, discutendo le difficoltà incontrate durante il lavoro di gruppo e le strategie messe in opera per superarle. Un Q&A concluderà la masterclass e completerà la lezione frontale.

 

A CHI E’ RIVOLTO

Il workshop è rivolto a registi e studenti di regia documentaria, a  insegnanti, operatori sociali e psicoterapeuti, ma anche ad un  pubblico generico.

La masterclass si terrà in lingua italiana.

 

COSTO

Il costo della quota si iscrizione é di 15 euro per ogni partecipante e comprende l'ingresso gratuito alla proiezione del film Scheherazade's Diary, in programma sabato 10 maggio, ore 19.30, allo Spazio Oberdan.

 

INFO

Ottavia Fragnito, workshop@milanofilmnetwork.it;  023313411

 


 Titolo: IN PROGRESS
 Data inizio: 30/03/2014
 Data fine: 31/07/2014
 Durata: 4 mesi
 Costo: 300 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-03-30
 Programma:

programma:

Milano Film Network propone per l'anno 2014 un laboratorio produttivo concentrato sullo sviluppo di un progetto audiovisivo. Per quanto trascurata nel sistema italiano, lo sviluppo è la fase più importante e critica del processo creativo e realizzativo, quella da cui dipendono l’esito concreto delle idee cinematografiche e gran parte della struttura organizzativa, produttiva e finanziaria del film.

 

Il progetto riprende l’esperienza di Filmmaker, che fin dal 1985 ha sostenuto produttivamente il lavoro dei cineasti indipendenti e che nel 2012, con il sostegno di Fondazione Cariplo, ha curato il Bando Nutrimenti terrestri Nutrimenti celesti.

 

Il progetto

Attraverso il presente bando Milano Film Network, con il supporto della Fondazione Cariplo, intende sostenere gli autori nello sviluppo e nella realizzazione di film e audiovisivi innovativi nel linguaggio, nelle tecniche, nei contenuti e nella modalità produttive.

Il percorso formativo si articola in una serie di approfondimenti teorico-pratici, condotti da studiosi e filmmaker di profilo internazionale, alla quale si unisce una costante attività di confronto con alcune figure di riferimento e un'ulteriore fase di tutoraggio.

L'intero progetto è finalizzato allo sviluppo di idee cinematografiche che, una volta formalizzate in progetti realizzativi, verranno selezionate e sostenute dal punto di vista creativo, organizzativo e finanziario.

In progress è aperto a progetti di finzione, documentari, sperimentali e seriali.

 

Il laboratorio vedrà la partecipazione delle seguenti figure del panorama italiano: i registi Leonardo Di Costanzo (A scuola, L'intervallo) e Michelangelo Frammartino (Il dono, Le quattro volte), i produttori Marta Donzelli, Gregorio Paonessa (Vivo Film) e Nicola Giuliano (Indigo Film), la montatrice Carlotta Cristiani (La variabile umana, Giorni e nuvole) e altre figure professionali. Inoltre i candidati avranno l'opportunità di incontrare diverse figure che lavorano nel campo dei festival e della distribuzione, tra cui Luciano Barisone (Vision du Réel), Fabrizio Grosoli (Officine Ubu), Rebecca De Pas (FID).

 

A chi si rivolge

A tutti gli autori, italiani o stranieri, che alla data di scadenza del bando abbiano realizzato almeno un lavoro audiovisivo presentato pubblicamente.

 

Come presentare la domanda

Per partecipare alla selezione, occorre presentare un progetto di film o audivisivo articolato nei seguenti materiali:

a) Autopresentazione e motivazioni dell’autore rispetto al progetto (1 cartella)

b) Curriculum con filmografia (formato libero max 2 cartelle)

c) Lavori realizzati in precedenza (secondo le modalità previste dall’entry form)

d) Breve sinossi del progetto in sviluppo (max 2 cartelle). E' data piena libertà di genere e durata.

e) Intenzioni di regia (1 cartella)

f) Indicazione degli elementi di fattibilità del progetto, di eventuali collaborazioni creative e produttive (max 2 cartelle).

g) Contatti

 

Scadenza e luogo di presentazione delle domande

Le domande di ammissione devono essere caricate compilando l'apposito entry form al link http://www.filmmakerfest.com/Home/Form/28 entro e non oltre il 30 marzo 2014.

 

Modalità di partecipazione

Una commissione nominata dal Milano Film Network selezionerà, entro il 10 aprile 2014, fino a un massimo di 20 candidati ai quali verrà richiesta una quota di iscrizione di euro 300,00.

Gli incontri si terranno a Milano preferibilmente durante il fine settimana, nel periodo compreso tra aprile e luglio 2014.

Al termine di questa fase, e non oltre il entro il 15 settembre 2014, i candidati selezionati dovranno elaborare un dossier produttivo relativo al progetto audiovisivo sviluppato che verranno valutati da una giuria esterna composta da esperti del settore e nominata dal Milano Film Network.

Alla valutazione saranno ammessi solo gli elaborati presentati dai candidati che avranno partecipato almeno al 75% degli incontri.

La giuria sceglierà i 5 progetti vincitori, e formulerà una graduatoria di merito.

Il MFN sosterrà economicamente i due progetti meglio classificati con un contributo di euro 5000 ciascuno e garantirà agli autori di tutti e cinque i progetti selezionati un periodo di ulteriore affiancamento da parte di tutor qualificati.

Le decisioni delle commissioni e dell’organizzazione sono inappellabili.

 

Tutti gli iscritti si impegnano a rispettare le seguenti condizioni minime:

1. Riportare nei titoli di testa delle produzioni audiovisive realizzate il logo del Milano Film Network e quello di Fondazione Cariplo, accompagnati dalla dicitura: “Opera realizzata con il contributo di Milano Film Network e Fondazione Cariplo”

2. Concedere al Milano Film Network e ai festival che lo compongono l’utilizzo delle opere realizzate all’interno delle attività istituzionali e senza scopo di lucro.

 

Per ulteriori informazioni:

Ottavia Fragnito- segreteria workshop

telefono: 023313411

e-mail: workshop@milanofilmnetwork.it


 Titolo: Dall'altra parte dello specchio
 Data inizio: 24/02/2014
 Data fine: 14/03/2014
 Durata: 5 incontri
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 2014-02-12
 Programma:

MFN presenta 5 incontri sul cinema al femminile, a cura di Daniela Persico e Patrizia Rappazzo e in concomitanza con XXI Sguardi Altrove Film Festival.

Il primo Oscar alla regia consegnato a una donna è arrivato soltanto nel 2010 con la vittoria di Kathryn Bigelow per The Hurt Locker, un fatto che apparentemente sancisce un momento importante per la storia del cinema, “la macchina dei sogni” che da sempre posa uno sguardo maschile su figure iconiche della femminilità. Ma il cinema a regia femminile ha tutta un'altra storia, che lontano dai meccanismi hollywoodiani ha trovato il modo di sancire la sua alterità e riformulare un nuovo linguaggio e un immaginario rinnovato. Proprio alla rivoluzione cinematografica portata dalle donne che hanno scelto di varcare “lo specchio di Alice” sono dedicati questi cinque appuntamenti. Partendo dalle riflessioni nate nella stagione dei movimenti degli anni Settanta (le riletture di Leni Riefenstahl da parte di Susan Sontag, l'ormai abbandonata definizione del “femminile” nel cinema), si arriva alla fertile situazione contemporanea tra la presunta accessibilità al cinema mainstrem e la resistenza di forme alternative di regia al femminile nelle arti visive e nel cinema più indipendente.  

I cinque incontri del workshop intendono aprire alcune prospettive sul cinema femminile, a lungo trascurato e marginale, oggi in un momento di felice espressione e di continua elaborazione teorica.

Il laboratorio prevede lezioni e proiezioni di film che verranno introdotti, commentati e discussi.

I partecipanti potranno mettersi alla prova con esercitazioni scritte, in seguito alle quali verranno scelti i membri della Giuria Giovani di “Sguardi Altrove 2014 – Festival di regia al femminile”.

SCARICA IL PROGRAMMA


 Titolo: Scritture del reale: McElwee, Simon e Morandi
 Data inizio: 29/11/2013
 Data fine: 08/12/2013
 Durata: 3 incontri
 Costo: 25 euro
 Scadenza iscrizioni: 2013-11-28
 Programma:

In questi incontri, gli autori raccontanno prassi, temi e figure stilistiche del loro itinerario artistico. Nella lezione tenuta dal maestro americano McElwee, si affronterà la sua poetica in prima persona, rispetto al cinema diretto. Con l’eclettica Claire Simon si analizzeranno le pratiche di una regista che ha spaziato dal documentario alla finzione, sperimentando anche le nuove pratiche di fruizione multimediale, mentre con Giuseppe Morandi e Gianfranco Azzali si esplorerà un’esperienza unica di documentazione e racconto delle trasformazioni della campagna della bassa padana negli anni della grande trasformazione della modernità. Tre sguardi sul reale, tre approcci di stilistici, un percorso per affrontare come tradurre la realtà in immaginario, mettendo in crisi le forme consolidate del cinema.   


 Titolo: Il documentario, un'introduzione in quattro incontri
 Data inizio: 05/11/2013
 Data fine: 21/11/2013
 Durata: 3 settimane
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma:

Il cinema nasce documentario con i Fratelli Lumière e nel corso del Novecento non cessa mai di confrontarsi con la realtà, alla ricerca dello splendore del vero o di confronti, critici o propagandistici, con la realtà sociale. A partire dalla fine degli anni ´50, con l´affermarsi del cinéma vérité, il suo ruolo diviene particolarmente fecondo. I modi del cinema in presa diretta vengono raccolti dal cinema di finzione e parallelamente, insieme a un intenso dibattito teorico, il documentario conquista autonomi canali di produzione e diffusione. La gamma espressiva si amplia e fioriscono i generi documentari: alle sinfonie urbane e alle esplorazioni etnografiche si aggiungono le analisi sociali e istituzionali, i rockumentary e il diario intimo. Gli artisti rivoluzionano il found footage film e le nuove tecnologie della comunicazione trasformano l´idea stessa di dispositivo documentario. I quattro incontri del workshop intendono proporre alcune chiavi d´accesso al documentario contemporaneo, una semplice mappa per orientarsi in un mondo affascinante e in continuo mutamento


 Titolo: Una storia del cinema. Visioni e incontri sul cinema sperimentale
 Data inizio: 03/10/2013
 Data fine: 31/10/2013
 Durata: 5 settimane
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma: Il titolo scelto per questo laboratorio ha un significato ben preciso: così si intitola la retrospettiva (e poi il catalogo) che Peter Kubelka cura per il Centre Pompidou, nel 1976, all'epoca della sua apertura, sotto lo sguardo attento di Pontus Hulten. L'elenco dei cineasti presente farebbe rabbrividire qualunque studioso del cinema. Niente Rossellini, niente Godard, niente Hitchcock, niente Welles. Compaiono invece in sequenza una serie di nomi e di artisti come Fernand L&ecaute;ger, Marcel Duchamp, Man Ray, Ralph Steiner, Maya Deren, Stan Brakhage, Gregory Markopoulos, Andy Warhol, Paul Sharits, Robert Breer, Michael Snow. La retrospettiva e il catalogo comprendono insomma quei filmmaker spesso rinchiusi in quel ghetto che porta il nome di "cinema sperimentale", a cui solitamente le storie del cinema dedicano sporadiche pagine. Per Kubelka invece non vi è nulla di "sperimentale" in tutto questo. Quei nomi definiscono la vera e unica storia del cinema. Il workshop cerca di capire perch&ecaute;.

 Titolo: Seize the time: workshop di regia con Sylvain George
 Data inizio: 05/09/2013
 Data fine: 10/09/2013
 Durata: 6 giorni
 Costo: 300 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma: Un film collettivo sulla città, capace di cogliere le parole e i gesti sociali e politici dell´Italia contemporanea e di trovare la forma giusta per raccontarli. Sylvain George volge in chiave didattica l´approccio benjaminiano alla città che contraddistingue il suo lavoro d6acute;autore di cinema politico e sperimentale. La sua sensibilità e la sua capacità di lavorare con i giovani si traducono in una serie di preziosi suggerimenti allo sguardo, in una guida all´articolazione discorsiva delle immagini, sia essa narrativa o saggistica, e a un puntuale e serrato confronto sulle pratiche realizzative. Un approccio pratico dove il valore aggiunto viene dalla grandissima consapevolezza teorica di Sylvain George, dalla saldezza del suo progetto estetico-politico e dalla sua capacità di lavorare con i giovani.

 Titolo: Milano San Francisco: indie makers – la produzione indipendente
 Data inizio: 21/06/2013
 Data fine: 21/06/2013
 Durata: 2 ore
 Costo: 20 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma: Un approfondimento sui temi della produzione indipendente nel contesto internazionale e della partecipazione dal basso ai progetti dell´audiovisivo, con uno speciale focus sull´esperienza del crowd-funding attivata con successo per l´ideazione e realizzazione del 27° Festival MIX Milano.

 Titolo: Scrivi anche tu per il Mereghetti: workshop di scrittura critica
 Data inizio: 03/06/2013
 Data fine: 24/06/2013
 Durata: 4 incontri
 Costo: 50 euro
 Scadenza iscrizioni: 0000-00-00
 Programma:

Un laboratorio in 4 appuntamenti con Paolo Mereghetti. L'autore del Dizionario dei Film e i suoi collaboratori illustreranno le modalità operative della pubblicazione, con particolare attenzione ai criteri di giudizio e alla scrittura delle schede. I partecipanti si cimentano nella composizione di schede critiche che vengono sottoposte all'esame degli autori e possono essere pubblicate sulla nuova edizione, in uscita a fine 2013.